Lunedì 20 giugno alle 21.30

Fiesole: raffinate polifonie quattrocentesche con L’Homme Armé in «Josquin, Isaac. Musiche tra Firenze e Ferrara»

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
L'Homme Armé

L’Homme Armé

FIRENZE – Per la nona edizione consecutiva di «AntiCONtemporaneo» L’Homme Armé presenta lunedì 20 giugno un doppio evento, nell’ambito dell’Estate Fiesolana con la collaborazione dell’Estate Fiorentina. Il clou sarà il concerto delle 21.30 nella Cattedrale di San Romolo a Fiesole. Qui l’Ensemble L’Homme Armé presenta «Josquin, Isaac. Musiche tra Firenze e Ferrara», un raffinato excursus nella musica di quelle che nel Rinascimento erano autentiche capitali della cultura, anche musicale.

Il programma accosta alcune pagine particolarmente significative dei due più grandi compositori presenti in Italia tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento. Per il ruolo di maestro di cappella del Duca d’Este furono interpellati tutti e due i compositori, in quanto massimi esponenti della musica del tempo. Fu preferito Josquin, che peraltro dopo un anno lasciò l’incarico, mentre Isaac, che era stato il musico più vicino a Lorenzo il Magnifico e che era legato a Firenze anche da vincoli parentali, fu invitato a Innsbruck alla corte dell’imperatore Massimiliano d’Asburgo. Fianco a fianco verranno presentati alcuni capolavori dei due autori: la Missa “Hercules Dux Ferrariae”, composta su un motivo ricavato dalle sillabe del nome del Duca (Hercules Dux Ferrariae = re, ut, re, ut, re, fa, mi, re) insieme ad alcuni mottetti di Isaac, alcuni dei quali probabilmente composti per Firenze o per la famiglia Medici. In particolare “Rogamus te” (composto sul motivo la, mi, la, sol) pare fosse stato portato da Isaac a Ferrara per dimostrare la sua perizia e la sua velocità di composizione. Conclude il programma una splendida composizione, pressoché inaudita in tempi moderni, di uno dei primi polifonisti italiani degni di nota, Alessandro Coppini, probabile allievo o collaboratore di Isaac, che coniuga straordinariamente la maestria contrappuntistica appresa dai grandi maestri fiamminghi con un melos più italico.

LHommeArmeTeatroFarneseParma

L’Homme Armé al Teatro Farnese

L’affascinante programma è stato da poco presentato con gran successo di pubblico e di critica al Teatro Farnese di Parma nella programmazione del Teatro Regio.

 

A introdurre il tutto, una conversazione-concerto alle 19.30 al Museo Bandini di Fiesole (ingresso libero) a cura di Fabio Lombardo, direttore musicale dell’ensemble, e del  musicologo e musicista Stefano Lorenzetti, mentre l’Ensemble L’Homme Armé illustrerà, con interventi musicali, quanto espresso in teoria nella conversazione, evidenziando come la polifonia quattrocentesca, se da un certo punto di vista introduce alcuni degli elementi che caratterizzeranno la musica dei secoli successivi (inclusa molta della musica di grande diffusione che ascoltiamo ancora oggi), appartenga tuttavia ad un pensiero compositivo

Stefano Lorenzetti

Stefano Lorenzetti

molto lontano dalla maggior parte della cosiddetta « musica classica ». Forse anche per questo tra XX e XXI secolo molti compositori l’hanno esplorata trovandovi elementi tecnici ed estetici innovativi, che hanno avuto una notevole influenza sulle loro nuove creazioni. Ed è interessante notare come la scoperta moderna di gran parte delle fonti della musica di quel periodo sia quasi coeva delle prime creazioni della Nuova Musica del XX secolo : basti citare il caso emblematico di Anton Webern che, nella sua tesi di laurea all’Università di Vienna, si occupò della musica inedita di Heinrich Isaac.

 

lunedì 20 giugno 2016, ore 19.30 al Museo Bandini (Via Giovanni Duprè, 1, Fiesole): «Architetture musicali del Quattrocento. Osservazioni preliminari su “Josquin, Isaac. Musiche tra Firenze e Ferrara”» conversazione-concerto con Stefano Lorenzetti, Fabio Lombardo e L’Homme Armé

Lunedì 20 Giugno, ore 21.30 Cattedrale di San Romolo, Fiesole (Piazzetta della Cattedrale, 1; intero 12 euro, ridotto 10): L’Homme Armè diretto da Fabio Lombardo in «Josquin, Isaac. Musiche tra Firenze e Ferrara»

Heinrich Isaac (1450ca-1517), Rogamus te

Josquin Després (ca 1440-1521), Missa Hercules Dux Ferrariae: Kyrie, Gloria

Heinrich Isaac, Quae es ista?

Josquin Després, Missa Hercules Dux Ferrariae : Credo

Heinrich Isaac, Quis dabit pacem populo timenti?

Josquin Després, Missa Hercules Dux Ferrariae: Sanctus – Benedictus

Heinrich Isaac, Tota pulchra es

Josquin Després, Missa Hercules Dux Ferrariae: Agnus Dei

Alessandro Coppini (ca 1465-1527), Hodie nobis caelorum Rex

Giulia Peri, soprano; Mya Fracassini, Lucia Sciannimanico, alti; Giovanni Biswas, Luciano Bonci, Luca Dellacasa, Paolo Fanciullacci, tenori; Matteo Bellotto, Gabriele Lombardi, bassi

Info e prenotazioni: 055-695000 / 3396757446 – informazioni@hommearme.ithttp://www.hommearme.it/site/

 

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.