La procura di Pisa ha disposto il sequestro dei mezzi

Montopoli Valdarno, bimbe morte: nessuna traccia di frenata dell’auto. Riaperta in nottata la Fi – Pi – Li

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

La fila in direzione mare sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno, 21 luglio 2012. Traffico sostenuto su alcune arterie stradali e autostradali ma senza situazioni 'drammatiche' o da bollino rosso: è quanto segnala il Ciss-Viaggiare informati, il quale ricorda che sulle autostrade è vietato il transito fino alle ore 23 ai mezzi pesanti nella giornata di oggi e alle ore 24 in quella di domani. Il traffico molto intenso è atteso domani pomeriggio per i primi rientri dalle località di vacanza. ANSA/STRINGER

FIRENZE – Non c’è alcuna traccia di frenata dell’auto e le lamiere del fianco destro della vettura sono state ‘aperte dallo spigolo del camion urtato. Questi alcuni elementi oggettivi raccolti dalla polizia stradale coi rilievi sull”incidente in cui ieri sera due sorelline di 6 e 9 anni sono morte sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno, in carreggiata Mare, tra Santa Croce e Montopoli (Pisa). Entrambe sedevano sul lato destro della Citroen guidata dal padre, un medico di origine libanese, 57 anni, ed erano correttamente allacciate con le cinture e gli altri dispositivi di sicurezza per i bimbi. Per motivi in corso di accertamento l’auto ha impattato col lato destro sul Tir, a una distanza di circa 60 metri dall’uscita di una piazzola di sosta, da dove il mezzo pesante si era immesso in carreggiata.

Sempre dai rilievi emerge che il Tir era correttamente in asse sulla corsia di marcia. La vettura è andata a colpire lo spigolo posteriore sinistro del Tir, che di fatto ha tagliato l’auto, uccidendo le due sorelline, che sono morte quasi immediatamente. La più grande sedeva davanti, l”altra dietro.

L’incidente si è verificato verso le 20.30 quando, riferisce sempre la Polstrada, c’era buona visibilità: non era ancora buio e l’impatto tra l’auto e il Tir è avvenuto in prossimità di una curva dolce. Alcuni automobilisti hanno avvisato la centrale della Polstrada parlando subito di due bambine morte. Sul posto sono stati inviati tutti gli equipaggi disponibili; c’è stata qualche difficoltà ad arrivare velocemente nel luogo del sinistro perché in breve tempo si è formata una ”sacca di auto” in transito, bloccate in carreggiata dallo stesso incidente.

Entrambi i conducenti – il padre e il camionista, un romeno di 41 anni – sono risultati negativi sia all’alcoltest, sia al test antidroga. Il padre è stato ricoverato dal 118 all’ospedale di Pontedera con un trauma cranico e in stato di choc. Le indagini sono rese complicate anche per lo stato psicologico delle persone coinvolte e per la dinamica difficile che andrà ricostruita con esattezza. Intanto la procura di Pisa, dopo aver fatto rimuovere in serata i corpi, ha disposto di trasferire le salme delle due bambine all”istituto di medicina legale di Pisa. Perizie verranno incaricate sui due veicoli, l’auto e il mezzo pesante.

Padre e figlie provenivano da Firenze. Dopo l’urto il medico ha avvisato per telefono la moglie, parlandole genericamente di un incidente ma senza dirle che le figlie erano morte. La donna, 51 anni è partita subito ma è rimasta bloccata nel traffico – nel frattempo deviato sulla viabilità ordinaria – ed è stato difficile rintracciarla. Poi, è stata assistita da personale della Polstrada specializzato anche nel dare assistenza psicologica alle vittime e ai familiari di vittime di incidenti stradali gravi.

La Fi-Pi-Li, nel tratto interessato, tra Santa Croce sull”Arno e Montopoli (Pisa), è rimasta chiusa molte ore ed è stata riaperta a notte inoltrata.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.