All'alba e al tramonto del 24 e 25 giugno

Firenze: Campanile di Giotto come palcoscenico per recitare Dante

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa

dante-1-604x469FIRENZE – All’alba e al tramonto del 24 (Festa di San Giovanni, patrono di Firenze) e del 25 giugno, il Campanile di Giotto di Firenze diventerà lo straordinario palcoscenico di un originale percorso scenico e corale dedicato al tema del volo nella Divina Commedia. Migranti, detenuti, rifugiati e persone in situazioni di disagio reciteranno una selezione di terzine tratte dalla Divina Commedia, in cui Dante parla degli uccelli, del volo e degli angeli, dell’esperienza nel mondo e del coraggio dell’uomo che desidera superare i confini.

“Piume Dante|2021 legato con amore in un volume ciò che per l’universo si squaderna” è una produzione dell’associazione culturale Culter realizzata col contributo del Comune di Firenze -Estate Fiorentina, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione Brunello Cucinelli, Mazzanti Piume e la collaborazione dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

La direzione artistica è di Culter e di Franco Palmieri con la coreografa e danzatrice Luisa Cortesi. Al progetto hanno collaborano anche alcune importanti realtà che si occupano di disagio e di inclusione sociale: Casa Circondariale di Prato, Complesso Albergo Popolare ”Fioretta Mazzei”, Associazione Progetto Villa Lorenzi, Casa Elios (Caritas), Cooperativa sociale Il Cenacolo. I costumi e gli accessori in piume sono gentilmente offerti da Mazzanti Piume, storica bottega fiorentina che da tre generazioni mantiene viva una delle più raffinate e antiche tradizioni artigianali del territorio (info www.mazzantipiume.it).

”Con questo progetto – spiega l’associazione Culter – ‘Vogliamo offrire un’ opportunità di educazione e un’esperienza di
inclusione attraverso lo strumento offerto dalla poesia dantesca, i partecipanti possono fare un’esperienza che finisce per accomunarli al
di là delle appartenenze sociali, religiose, professionali”. Con “Piume Dante|2021 legato con amore in un volume ciò che per
l’universo si squaderna, realizzato in vista delle celebrazioni  dantesche del 2021, l’associazione culturale Culter prosegue l’esplorazione dell’universo dantesco, iniziato dieci anni fa, attraverso azioni sceniche e corali a cui hanno partecipano come protagonisti migliaia di persone: da Laura VS Beatrice, All’Improvviso Dante 100 canti su Firenze, a Dante /750 per citarne solo alcuni.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.