L'allarme del Codacons: attenti agli errori

Canone Rai: da oggi, 1 luglio, rivoluzione in bolletta Enel. Ecco chi deve pagare

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

Canone-RAI1ROMA – Da oggi, venerdì 1 luglio 2016, scatta una vera e propria rivoluzione sul fronte del canone Rai. Fonti governative insistono nel far sapere che il canone è stato ribassato: da 119 a 100 euro. Ed è dilazionato: pagabile in 10 rate mensili da 10 euro ciascuna. Eccezionalmente, con la bolletta di luglio si troverà un importo da 70 euro, relativa ai primi sette mesi del 2016. Le tre rate mancanti verranno incluse nelle bollette dei tre mesi successivi. Le organizzazioni dei consumatori mettono però in guardia da errori e anomalie dovuti alla gran mole di dati che i diversi soggetti coinvolti hanno dovuto gestire e integrare. Per cui bisognerà controllare con attenzione la bolletta elettrica successiva al primo luglio, in modo da verificare eventuali inesattezze. Non basta: il canone dev’essere addebitato sulle sole utenze elettriche residenziali. Ed è dovuto una sola volta per ciascuna famiglia anagrafica. I proprietari di seconde case non dovranno pagare ulteriormente. Il termine di dichiarazione di non detenzione della televisione, che è annuale, è scaduto il 16 maggio scorso. Ma chi ha inviato la dichiarazione dal 17 maggio al 30 giugno sarà esentato dal pagamento del canone per òla seconda metà del 2016. Chi invece presenterà il modulo da oggi 1 luglio, fino al 31 gennaio 2017, fruirà dell’esenzione per il 2017.

La rivoluzione, tuttavia, è accompagnata da confusione e incertezza.  E’ quanto sostiene il Codacons in una nota. Nella quale il presidente, Carlo Rienzi, scrive: «Tra gli utenti regna il caos: sono ancora molte le famiglie che non hanno chiari i termini dei pagamenti e delle esenzioni e grande confusione si registra sul fronte delle seconde case, delle badanti, degli studenti fuori sede, di chi non possiede una tv ma dispone di collegamento internet e PC, ecc. L”inserimento del canone in bolletta è vissuto dai cittadini come un’ingiusta imposizione dall”alto decisa dal Governo, una decisione totalmente sbagliata secondo il Codacons, che creerà tra le altre cose lungaggini e problemi in caso di morosità sulle bollette».

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.