Anche italiani fra i clienti del bar

Dacca (Bangladesh): commando armato attacca un ristorante. Presi alcuni ostaggi, lanciate bombe

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

poliziotti

DACCA – Il terrorismo islamico torna a colpire il Bangladesh, e sono coinvolti anche italiani. Un commando dell”Isis ha preso di mira un popolare caffé nella zona diplomatica della capitale Dacca, prendendo decine di ostaggi, soprattutto stranieri, tra i quali un numero imprecisato di nostri connazionali.

L’ansia è forte, anche per il rischio di eventuali vittime durante un possibile blitz, tanto che il premier Matteo Renzi è rientrato a Palazzo Chigi per seguire la vicenda, in contatto con la Farnesina.

Questa sera, intorno alle 21 locali (le 17 italiane), un commando di una decina di persone è entrato in azione all”Holey Artisan Bakery, un caffé-pasticceria nel quartiere di Gulshan, frequentato dai diplomatici, stranieri e middle-class locale. Subito è scattata l’allerta della polizia, che ha bloccato la zona. Un impiegato del locale riuscito a fuggire ha raccontato che “cinque assalitori hanno fatto irruzione armati di pistole e machete ed hanno lanciando bombe, al grido di ”Allah uh Akbar” (Allah è grande), scatenando il panico tra le persone”. Altri testimoni che sono scappati hanno detto di avere visto “molti corpi a terra”, anche se non hanno potuto sostenere che si trattasse di cadaveri.

L’Isis ha rivendicato l”assalto, attraverso l”agenzia Amaq, che gli fa da megafono, sostenendo che oltre 20 persone di diverse nazionalità sono rimaste uccise. Quindi ha rilanciato, promettendo nuovi attacchi per la festa dell”indipendenza degli Usa, il 4 luglio, negli aeroporti di Heathtrow (Londra), Los Angeles e Jfk (New York).

In un primo momento la polizia ha parlato di tre feriti tra cui due agenti ed un civile, ma report successivi hanno aggiornato il bilancio ad almeno due morti tra gli agenti e fino a 30 feriti. E, soprattutto, diversi ostaggi, tra i 20 ed i 60, principalmente stranieri. La Farnesina, all”inizio, non ha escluso la possibilità di italiani prigionieri, e con il passare delle ore questo timore si è fatto via via più concreto.

Tanto che il ministro Paolo Gentiloni ha twittato: “Seguo momento per momento la situazione a Dacca. Ansia per gli italiani coinvolti, sono vicino alle famiglie”. La tv all news indiana India Today ha parlato addirittura di due italiani morti, ma senza citare fonti. E nel caos delle testimonianze, un media di Dacca ha citato la preside di una scuola americana, Ann Walsh Imdad, secondo cui il commando avrebbe ucciso i due dipendenti italiani del caffé, “il panettiere e la moglie”. Secondo il responsabile dell’Holey Artisan, invece, il panettiere è riuscito a mettersi in salvo.

Nella zona, che si trova vicino a molte ambasciate straniere, fra cui quella italiana, sono stati dispiegati reparti di teste di cuoio locali (Rapid action battallion, o Rab) che si preparano ad un blitz, mentre alle tv è stato chiesto di sospendere le dirette.

AGGIORNAMENTO DELLE 0,10

Secondo le notizie che filtrano da Dakka, i morti sarebbero 24 e i feriti 40. Gli italiani in ostaggi, secondo l’ambasciatore Mario Palma, sarebbero sette.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.