Parteciperanno oltre 1000 atleti

Firenze: dal 16 luglio per la prima volta in Italia i Trisome Games, giochi per atleti down

di Redazione - - Cronaca, Sport

Stampa Stampa

trisome

FIRENZE – Sarà una manifestazione molto speciale quella dei Trisome Games 2016. Per la prima volta al mondo, infatti, l’Italia – e più precisamente Firenze – organizzerà un evento dedicato esclusivamente ad atleti con sindrome di Down. Sponsor della manifestazione il Gruppo Menarini, farmaceutica con Headquarters a Firenze, vicina ai temi legati al sociale e ai bisogni del territorio, in particolare quello fiorentino, dove ha sede dal 1915.

Ai Trisome Games 2016 parteciperanno, in varie sedi fiorentine, oltre 1.000 atleti provenienti da 36 Paesi in tutto il mondo che gareggeranno in diverse discipline e strutture: ‘Stadio Ridolfi’ (atletica leggera), ‘Piscina Costoli’ (nuoto e nuoto sincronizzato), ‘Palestra Sorgane’ (ginnastica), ‘Palestra Generale Barbasetti’ (futsal), ‘Affrico’ (judo, tennis e tennis tavolo). Inoltre, nei pressi dello ‘Stadio Ridolfi’ verrà allestito il ‘Trisome Village’, punto nevralgico della manifestazione. E proprio in questa sorta di villaggio olimpico, Menarini sarà protagonista con degli stand con un fisioterapista a disposizione degli atleti e di chiunque ne avesse bisogno, e anche del materiale informativo.

La cerimonia di apertura, programmata per il 16 luglio a partire dalle 18 in Piazza della Signoria, precederà l’inizio ufficiale delle competizioni sportive previste nei giorni 17,18, 20 e 21 luglio; il giorno 19, presso il Salone de’ 500 in Palazzo Vecchio, importante momento di formazione e aggiornamento con il ‘World Scientific Congress on Down Syndrome’, congresso internazionale nel quale si affronteranno tematiche relative alla specifica disabilità. Tutte le informazioni sui Trisome Games 2016 sono consultabili alla pagina www.trisomegames2016.org.

Tag:, ,

Commenti (1)

  • nadia

    |

    ottima cosa lo sport per questi giovani..spero se ne parli anche in tv, e che la diversità non sia più un limite, anche grazie allo sport

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.