Appello per l'assistenza agli anziani

Firenze, meteo: domani 11 luglio caldo da codice rosso. Temperature fino a 41 gradi

di Redazione - - Cronaca, Economia, Primo piano

Stampa Stampa

caldoFIRENZE – Non accenna a diminuire il caldo che ormai da giorni sta interessando Firenze. La protezione civile del Comune, nel bollettino odierno, annuncia per domani 11 luglio l’emergenza da codice rosso per il caldo con temperature che, secondo le previsioni (http://www.biometeo.it/firenze-2/), potrebbero sfiorare i 37 gradi di temperatura massima all’ombra e 41 gradi al sole (con 16 ore di ‘disagio caldo’).
Sempre validi quindi i consigli per la popolazione, non solo anziani, bambini e soggetti fragili, che sono a disposizione sul sito della protezione civile (http://protezionecivile.comune.fi.it/?page_id=226).
Tra questi uscire il mattino presto o la sera tardi, evitando di farlo nelle ore calde (ovvero dalle 11 alle 18), e di svolgere esercizio fisico o lavoro intenso; fare bagni e docce d’acqua tiepida; indossare vestiti leggeri e comodi in fibre naturali; arieggiare la casa durante le ore fresche, come la sera tardi e durante la notte per fare entrare l’aria fresca; dormire e soggiornare nelle stanze più fresche in assenza di condizionamento, evitare correnti d’aria; chiudere vetri e le persiane durante le ore calde del giorno e provvedere a schermare i vetri delle finestre con persiane, veneziane o almeno tende, per evitare il riscaldamento eccessivo dell’ambiente; limitare l’uso del forno e utilizzare gli altri elettrodomestici (lavatrice, ferro da stiro, lavapiatti, etc.) durante le ore notturne; bere almeno 2 litri al giorno, anche in assenza di stimolo sete, evitando le bevande fredde e quelle alcoliche, mangiare frutta fresca come agrumi, fragole, meloni e verdure come carote, lattuga e peperoni; consumare pasti leggeri e conservare gli alimenti deperibili (carne, latticini, dolci con creme etc.) in modo corretto.
Informazioni anche su: http://www.biometeo.it/

Emergenza caldo, nuovi posti nelle rsa per gli anziani. Ecco il piano dell’assessore al welfare Sara Funaro

Azioni mirate a non lasciare soli gli anziani, mitigando gli effetti del caldo non solo con i condizionatori, ma anche con la presenza umana, grazie ad un aumento dei posti nelle rsa. Così l’assessorato al welfare si è attrezzato per fronteggiare l’emergenza caldo. «Nelle residenze sanitarie assiste – ha spiegato l’assessore Sara Funaro – vengono fatti inserimenti di sollievo per anziani. Si tratta sia di interventi programmati che di urgenze. In tutto 70 posti. Inoltre è stata rafforzata la sorveglianza attiva e gli interventi domiciliari, particolarmente per gli anziani e i disabili. Senza dimenticare che anziani e i familiari possono usufruire del segretariato sociale anche per segnalare emergenze urgenze».
«Vorrei anche rinnovare il mio appello per un’azione forte e costante – ha aggiunto – è importante attenersi ad alcune regole fondamentali, come i consigli della protezione civile, quando l’innalzamento delle temperature arriva a comportare dei seri rischi per le persone più fragili. Non seguire queste semplici regole può costare caro. Ad esempio non uscire nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle 11 alle 18; tenere il capo riparato dal sole e indossare abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro e tessuti naturali perché le fibre sintetiche ostacolano il passaggio dell’aria. La prima regola valida per tutti e condivisa dall’intera comunità scientifica è quella di favorire l’assunzione di molta acqua, un elemento che si profila di particolare aiuto per quelle persone che per età o per forme croniche si trovano a dover assumere spesso quantità di farmaci elevate. Un secondo aspetto in aiuto di una persona anziana in questi frangenti, ma non solo, è quello di farle svolgere nell’arco della propria giornata in casa solo le attività che riesce a sostenere con il caldo, avvalendosi del supporto esterno di un familiare o un vicino di casa per quelle che richiedono un impiego superiore di energie».
«Terzo elemento – ha proseguito l’assessore al welfare – è legato all’alimentazione: la preparazione di cibi sani e leggeri, ponendo attenzione anche a quelli che sono gli accorgimenti dietetici indicati dal medico curante legati ad esempio ad una forma cronica. Oltre a combattere l’emergenza caldo, questo acorgimento è un’ulteriore manifestazione di affetto e cura verso le persone con fragilità».
«Non lasciamo soli i nostri anziani segnalate ai servizi sociosanitari e ai pronto soccorso situazioni di difficoltà – ha concluso l’assessore Funaro – naturalmente sono sempre in funzione i servizi attivi ordinariamente, come l’assistenza a casa, i pasti a domicilio, i centri diurni o la teleassistenza, che costituiscono anch’essi una risorsa utile in risposta ai particolari disagi tipici del periodo estivo».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.