Le imbarcazioni buttano l'ancora sugli scogli

Giannutri: rischio di danni all’ecosistema marino, la denuncia di Legambiente

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Barche a Giannutri

GROSSETO – Lo sfregamento delle ancore sui fondali rocciosi crea sicuramente un danno all’ecosistema marino. La denuncia è di Legambiente per la situazione che l’associazione ha documentato all’isola di Giannutri nell’arcipelago toscano. Vorremmo chiedere alle istituzioni competenti, a partire dal Ministero dell’Ambiente, se tali comportamenti – si legge in una nota – siano possibili all’interno di un Parco nazionale, istituito anche per tutelare gli ecosistemi marini. Vorremo sapere quando verrà istituita l’Area marina protetta mentre Giannutri resta da 20 anni nel limbo di una zonazione provvisoria. Legambiente punta il dito contro quelle imbarcazioni che, domenica scorsa, hanno deciso di buttare l’ancora a circa un metro dagli scogli emersi sul fondale roccioso di circa 1,5 m. di profondità. Le ancore erano inserite tra le rocce incastrate tra le diverse specie di alghe incrostanti, briozoi, spugne che creano una incredibile bio-costruzione che offre riparo a diverse specie di animali.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.