In un'intervista al Corriere della Sera

Referendum costituzionale, il premier Renzi: no allo spacchettamento. E si voterà (probabilmente) il 6 novembre

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica, Top News

Stampa Stampa

REFERENDUM: BOSCHI, SE VINCE IL NO LASCIO ANCH'IO CON RENZI

ROMA – Renzi è tornato a parlare del referendum istituzionale, dicendosi contrario allo spacchettamento e indicando anche una data possibile per quanto riguarda i tempi: «dipende dalla Cassazione: se dovessi fare una scommessa direi a ottobre. Ci sono le leggi che dicono che, una volta presentate le firme e fatta la procedura, ci sono 50-70 giorni per indire il referendum. Ragionevolmente sarà a ottobre. Il 30 ottobre lo escludiamo perchè c’è il ponte, e allora se non è il 30 ottobre potrà essere a naso il 6 novembre». E ha affermato di ritenere che lo spacchettamento non sia possibile: «in ballo c’è la Costituzione e la Costituzione – ha sottolineato il premier – ha delle regole e non è possibile, secondo la maggior parte dei giuristi, spacchettare e fare un referendum ‘à la carte’». Quanto al rapporto con la minoranza dem ha aggiunto: «Mai utilizzare le istituzioni per regolare i conti con la minoranza interna. Questo è l’insegnamento che traggo dal referendum su Brexit, scaturito, tra l’altro, da un accordo tra il premier David Cameron e la sua minoranza».

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (1)

  • Bart

    |

    Peccato che non sia piu previsto lo “spacchettamento” in cinque diversi quesiti,mi stavo gia’ abituando all’idea di scrivere non uno ma cinque NO.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.