Istat: l’Italia resta in deflazione. A giugno più 0,1% su mese, ma meno 0,4% su anno

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Calo dei prezzi

Italia ancora in deflazione

ROMA – L’Italia resta in deflazione. L’Istat conferma le stime preliminari: a giugno l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% su base mensile e una diminuzione su
base annua pari a -0,4% (era -0,3% a maggio).

La lieve accentuazione della flessione su base annua  dell’indice generale si verifica in un quadro di sostanziale stabilità degli andamenti tendenziali dei prezzi delle diverse tipologie di prodotto. Fanno eccezione i prezzi degli Altri beni, in rallentamento  (+0,5% da +0,7% del mese precedente), quelli dei Beni energetici non regolamentati, la cui flessione si riduce, (-8,1%, da -10,0%) e i  prezzi dei Tabacchi, in accelerazione (+2,9% da +2,0%).

La persistenza delle dinamiche deflazionistiche è in gran parte riconducibile all’ampio calo dei prezzi dei Beni energetici (-7,5%
rispetto a giugno 2015), sebbene meno intenso di quello registrato a maggio. Al netto di questi beni l’inflazione, anche se in lieve
ridimensionamento, resta positiva e pari a +0,4% (era +0,5% a maggio). Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici
l”’inflazione di fondo”, rallenta e si porta a +0,5% (da +0,6% di  maggio). L’inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,2% (era -0,3%
a maggio).

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.