Un fenomeno che continua a preoccupare

Furti auto: la Campania in testa, Toscana a metà classifica (ma conviene vigilare)

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

20160531173905-furto_auto

ROMA – Nel 2015 sono state rubate 102.660 auto, con una distribuzione territoriale nettamente sbilanciata sul mezzogiorno. Infatti il 42,9% dei furti è avvenuto nel sud, il 23,3% al nord, il 19,8% al centro e 14% nelle isole. Secondo i dati diffusi dal ministero dell’Interno, ed elaborati dall’Adnkronos, le auto recuperate nello stesso anno dalle forze dell’ordine sono state 43.963 di cui il 39,8% nel meridione, il 30,7% nel settentrione, il 16,2% al centro e il 13,2% nelle isole. E la Toscana? Nella fascia media, diciamo a metà classifica. Le polizze d’assicurazione contro il furto dell’auto non sono basse. E comunque non conviene abbassare la guardia.

Per comprendere meglio il fenomeno occorre tener presente che quasi la metà delle auto circolanti nel paese si concentrano al nord (46%), mentre nel mezzogiorno i veicoli sono meno di un quarto (22,1%). I dati nazionali relativi ai furti dimostrano una riduzione costante negli ultimi anni (-5% nel 2015 rispetto all’anno precedente, -3,6% nel 2014, -3,5% nel 2013). Esaminando i numeri a livello territoriale emerge però che una parte del paese, il sud, va in controtendenza rispetto al resto. Infatti i furti d’auto passano da 41.939 del 2013 a 43.010 del 2014, per arrivare a 44.050 del 2015.

Tabella illustrativa, alcuni numeri sono leggermente diversi

Tabella illustrativa dal sito Lojack Italia, alcuni numeri sono leggermente diversi

FASCIA ALTA – Nella sola Campania si concentra la metà delle denunce registrate in tutto il mezzogiorno (22.136 pari al 50,2%), che porta la regione a classificarsi al primo posto per numero veicoli scomparsi; nell’Italia centrale invece ben l’85,1% dei furti è avvenuto nel Lazio (17.278 su 20.298). Nel nord la pecora nera è la Lombardia, dove si concentra oltre la metà dei reati, cioè il 53,7% (12.846 su 23.917).

FASCIA MEDIA – In mezzo ci sono la Toscana (1.675), l’Abruzzo (1.648), il Veneto (1.538),  la Sardegna (1.147).

FASCIA BASSA – Dall’altro capo della lista ci sono le regioni dove i proprietari di auto possono stare più tranquilli, come la Valle d’Aosta, dove in tutto il 2015 si sono verificati 32 furti. Ovviamente, con questi numeri, la regione si aggiudica il primo posto per minor numero di casi verificati, a distanza dalle altre ‘virtuose’ come il Trentino Alto Adige (179 furti), il Friuli Venezia Giulia (321 furti), il Molise (314 furti), la Basilicata (397 furti) e l’Umbria (438 furti).

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.