Anche la germania sotto attacco

Monaco di Baviera: spari in un centro commerciale, morti e feriti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa

monaco3

MONACO – Dopo Francia e Belgio anche la Germania della Cancelliera Merkel è soggetta a attacchi in centri commerciali o zone ad alta densità di frequentazione. Si sono registrati spari al centro commerciale Olympia nel quartiere Moosach a Monaco di Baviera, nella zona del parco olimpico. La polizia, riferisce la Sueddeutsche Zeitung, parla di «diversi morti e feriti» nella sparatoria al centro commerciale Olympia nel quartiere Mossach, la zona che ospitò il villaggio delle Olimpiadi del 1972. Pare che a sparare sia stata una sola persona. Sul posto si trovano diversi elicotteri ed è in corso un’imponente operazione di polizia. Gli agenti hanno isolato il centro commerciale e invitano la cittadinanza a non avvicinarsi alla zona. La Farnesina ha attivato l’Unità di crisi. Secondo i media l’attentatore sarebbe in fuga e la metropolitana è stata chiusa. La Polizia parla di furia omicida, ma non ancora di terrorismo e teme diversi morti.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO: Fonti dei servizi di sicurezza tedeschi citati dalla Dpa per la prima volta non escludono che quello avvenuto a Monaco possa essere un atto terroristico. La Polizia ritiene che gli attentatori siano almeno tre e che ci siano almeno tre morti. L’operazione è ancora in corso. Più di una persona, forse tre secondo alcuni testimoni, hanno sparato nel McDonald”s di un affollatissimo centro commerciale in una zona residenziale della capitale della Baviera. Non è ancora chiaro il bilancio, ma la polizia si aspetta “diversi morti”: sei secondo media stranieri, tre secondo il ministero dell’Interno bavarese. Sul terreno, poi, ci sono parecchi feriti. La tragedia, a pochi giorni dall’assalto di un diciassettenne su un treno, sempre in Baviera, in cui sono rimaste ferite cinque persone a colpi di ascia va in scena nel tardo pomeriggio in un centro commerciale pieno di gente di venerdì sera, con uffici appena chiusi, vacanze scolastiche appena iniziate ed i saldi nel loro pieno. Uno o più uomini iniziano a sparare nel fast food dello shopping mall, da cui escono continuando a sparare, armi in pugno, sulle persone. E fanno perdere le loro tracce, anche se secondo gli inquirenti sarebbero ancora in città. Per questo la Polizia lancia un appello alla gente: state in casa, evitate le piazze ed i luoghi affollati e non postate video e foto dell”operazione in corso, portata avanti da agenti armati fino ai denti. E’ il panico. La gente scappa dal centro commerciale urlando e piangendo. La metropolitana viene completamente chiusa in tutta la città. Si sparge la voce di una seconda sparatoria in una piazza al centro, che però viene poco dopo seccamente smentita dai pompieri. Ma il terrore si sparge pure nelle zone centrali, dove ad alcuni clienti è stato impedito di uscire dai negozi in cui si trovavano a fare acquisti. Viene evacuata la stazione centrale e gli ospedali si preparano ad accogliere i feriti. Intanto in tutta la città è in corso la caccia ai tre attentatori, con elicotteri ed ogni mezzo.

 

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.