Chiusura il 30 gennaio

Caccia in Toscana: ecco il calendario venatorio 2016-17. Si spara dal 18 settembre. Le specie cacciabili

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

caccia cacciatore cacciatoriFIRENZE –  La Giunta regionale toscana ha approvato il calendario venatorio, con le regole che riguardano la stagione di caccia 2016-2017. Sarà possibile cacciare da domenica 18 settembre 2016
fino a lunedì 30 gennaio 2017, ma per alcune specie sono previste limitazioni e un periodo più breve. Le specie cacciabili, dal 18 settembre al 30 gennaio, sono il tordo bottaccio, l’alzavola, il beccaccino, la canapiglia, il codone, il colombaccio, la cornacchia grigia, il fischione, la folaga, il frullino, la gallinella d”acqua, la gazza, il germano reale, la ghiandaia, la marzaiola, il mestolone, il moriglione,
la pavoncella, il porciglione e la volpe.

Stesso periodo anche per silvilago (minilepre), coniglio selvatico, merlo, quaglia, tortora e fagiano. Inoltre, a seguito dell’approvazione della delibera sulla caccia in deroga allo storno, sarà possibile
cacciare anche questa specie dall”apertura della stagione nelle vicinanze di vigneti e uliveti in tutto il territorio regionale. Stop al 31 ottobre per la caccia al combattente, al 30 novembre
per quella a starna e pernice rossa e all”8 dicembre alla lepre comune. Apertura posticipata al 1 ottobre per beccaccia, cesena e tordo sassello e al 1 novembre per la moretta, mentre nel caso
dell”allodola il periodo di apertura va dal 1 ottobre al 31 dicembre.

Quanto ai limiti di capi per ogni cacciatore nell’arco dell”intera stagione, si va dai 100 nel caso dell’allodola, ai 25 per specie nel caso di codone, quaglia, tortora e pavoncella, ai 20 per beccaccia e moretta, ai 10 per combattente e pernice rossa, ai 5 della starna.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.