Il presidente ad interim Michel Temer sommerso dai fischi

Olimpiadi Rio 2016: cerimonia inaugurale, applausi all’Italia, contestazioni all’esterno dello Stadio

di Paolo Padoin - - Cronaca, Cultura, Economia, Primo piano, Sport, Top News

Stampa Stampa

Immagine

RIO DE JANEIRO – E’ Vanderlei Cordeiro de Lima l’ultimo tedoforo che ha avuto l’onore di accendere la fiamma olimpica alla cerimonia di apertura dei Giochi di Rio. Contro ogni previsione della vigilia, la scelta è ricaduta sull’ex maratoneta che giunse terzo nella gara di Atene 2004 vinta dall’azzurro Stefano Baldini. Quel giorno De Lima, nettamente in testa, vide sfumare il possibile oro quando la sua corsa verso la gloria fu interrotta dall’invasione di uno spettatore.

italia

I Giochi Olimpici brasiliani si sono ufficialmente aperti al Maracanà in una cerimonia meno high-tech rispetto alla recente tradizione a cinque cerchi, ma con una grande carica di passione ed energia che ha conquistato i circa 60mila spettatori, mentre all’esterno dello stadio la protesta anti-Giochi degenerava in scontri fra manifestanti e forze dell’ordine. A dare il via a un’Olimpiade segnata dalla grave crisi economica e politica che ha colpito il Paese sudamericano è stato proprio il presidente ad interim Michel Temer, sommerso dai fischi del pubblico mentre leggeva il suo brevissimo discorso. Iniziata sulle note di ‘Aquele Abraço’ di Gilberto Gil, la canzone-simbolo della lotta contro la dittatura militare in Brasile, la cerimonia è entrata nel vivo con l’esecuzione dell’inno verdeoro cantato da Paulinho da Viola. La storia del Brasile è stata poi celebrata fin dalle origini, con un omaggio agli indigeni e alla foresta Amazzonica tramite uno spettacolare gioco di luci, passando per le prime occupazioni da parte di europei e africani per arrivare fino ai giorni nostri in cui la natura viene sacrificata per fare spazio alle metropoli contemporanee e a centinaia di edifici raffigurati da una serie di scatole sulle quali si esibiscono gruppi di funamboli del parkour.

Non mancano i riferimenti all’ambiente e all’ecosistema messo in crisi dallo sviluppo selvaggio, così come un omaggio all’inventore Santos Dumont, con un aeroplano che sorvola il Maracanà accompagnato da ‘Samba de Avião’ di Tom Jobim. Un’ovazione ha accolto l’entrata in scena della modella Gisele Bundchen e il suo duetto con Daniel Jobim che suona al piano ‘La ragazza di Ipanema’. Festa in musica anche durante la sfilata degli atleti, aperta come da tradizione dalla Grecia. I fischi coperti dagli applausi per l’Argentina, storica rivale del Brasile, diventano più udibili al passaggio di Israele, mentre un boato accoglie l’Italia con in testa la portabandiera Federica Pellegrini e fa scattare in piedi il premier Matteo Renzi e la first lady Agnese in tribuna. Applausi anche per la Giamaica orfana di Usain Bolt, che ha deciso di non partecipare all’apertura dei Giochi, e soprattutto per il team dei rifugiati. Le temute contestazioni alla Russia, travolta dallo scandalo doping, vengono forse attenuate dalla stanchezza o dall’attesa per gli idoli di casa che chiudono la sfilata in una vera e propria standing ovation.

“Una delle emozioni più forti della mia vita”. Ha commentato così Federica Pellegrini, su Instagram, al termine della cerimonia di apertura dei Giochi olimpici di Rio de Janeiro, allo stadio Maracanà, dove la nuotatrice veneta è stata la portabandiera dell’Italia. “Orgogliosa di essere la portabandiera di questa squadra, è una grande emozione. Daremo il massimo”, ha commentato poi la Pellegrini al termine di una giornata in cui ha anche festeggiato il suo 28° compleanno.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.