Replica del primo cittadino all'iniziativa dei sindacati

Firenze, sciopero della polizia municipale: il Sindaco, i cittadini vogliono vedere i vigili urbani sulle strade

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

img_4_10546FIRENZE – «È molto chiaro quello che i cittadini si aspettano dalla polizia municipale: avere più vigili urbani a lavorare in strada, e meno negli uffici». Lo ha detto oggi il sindaco di Firenze Dario Nardella, visto che ieri, dopo un incontro, i sindacati hanno annunciato un nuovo sciopero il 28/8 dopo altre astensioni nei mesi scorsi. I sindacati dei vigili protestano contro la riorganizzazione del corpo proposta dai vertici di Palazzo Vecchio.

«Io credo che oggi dopo tanti anni, col cambiamento della società e della demografia – ha spiegato Nardella -, cioè il fatto che a 50 anni con un semplice certificato medico si abbia il diritto di stare dietro una scrivania e non lavorare più in strada, sia da superare. I nostri cittadini si aspettano di vedere vigili urbani che facciano il loro lavoro, per il quale hanno vinto un concorso, ovvero seguire quei servizi che si fanno soprattutto in strada: traffico, sicurezza, pattuglie antidegrado».

Il sindaco Nardella ha sottolineato di aver pure «proposto un raddoppio dell’indennità di disagio per chi lavora fuori, ma mi è stato detto di no, hanno preferito continuare con la linea dello sciopero. Ho il massimo rispetto della mia polizia municipale e del suo diritto a scioperare ma ho il dovere di dire la verità ai cittadini – ha proseguito Nardella -. Noi chiediamo che il servizio dei vigili urbani sia un servizio che può funzionare bene; come un operaio, un insegnante, un dipendente della pubblica amministrazione di qualsiasi tipo a 50 anni fa il lavoro per cui è stato assunto, anche il vigile urbano deve fare la stessa cosa».

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.