Una riunione dedicata ai probemi delle zone periferiche

Firenze: immigrati nel Palazzo Inps a Peretola. Il Comune chiede l’aiuto del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

migrfir

FIRENZE – Dopo le polemiche sollevate dal capogruppo di Fratelli d’Italia in Comune, Francesco Torselli, il quale lamentava la destinazione di profughi  in zone già afflitte da molteplici problemi, si è tenuto in prefettura un Cosp dedicato all’accoglienza dei profughi nell’immobile di proprietà dell’Inps in via De Bosis a Peretola. Nella riunione, alla quale hanno partecipato il viceprefetto vicario Antonio Garufi, il sindaco Dario Nardella, l’assessore all’Accoglienza Sara Funaro e i rappresentanti della Polizia municipale e delle forze dell’ordine, è stato deciso che l’immobile dismesso accoglierà al massimo una ventina di persone, prevalentemente minori e giovani già inseriti in progetti di accoglienza sul territorio.  Si è parlato anche della complessità della zona e delle varie problematiche esistenti ed è stato deciso che l’attenzione verso il quartiere sarà innalzata.
“Nell’immobile di via De Bosis sarà ospitato un numero limitato di persone e saranno tutte molto giovani – spiega l’assessore Funaro -. Saranno in prevalenza minori che non arrivano direttamente dagli sbarchi, ma che sono già presenti sul nostro territorio. I giovani saranno seguiti da operatori qualificati attivi 24 ore su 24 e saranno coinvolti, come i ragazzi delle altre accoglienze, in progetti di volontariato per la città. Da parte di tutti, amministratori e forze dell’ordine, sarà posta un’attenzione particolare per ‘alleggerire’ la complessa situazione in cui si trova il quartiere – continua l’assessore, che replica anche alle polemiche sollevate. A Torselli vorrei far presente che ho avuto contatti con i cittadini che abitano nella zona  e dopo aver verificato la situazione ci siamo adoperati, come molti di loro sanno, con contatti continui con la prefettura affinché la decisione di accogliere dei profughi in quel quartiere, già di per sé molto complesso e sul quale abbiamo espresso tutte le nostre preoccupazioni e perplessità, fosse il meno impattante possibile”.

Quanto alle autorizzazioni urbanistiche tirate in ballo da Torselli, l’assessore Funaro replica che “il consigliere Torselli dovrebbe sapere bene che le accoglienze vengono gestite dalle prefetture e dovrebbe sapere altrettanto bene che quando vengono reperiti immobili da destinare a Centri di accoglienza straordinaria non viene chiesta nessuna specifica destinazione urbanistica perché nascono come strutture straordinarie e temporanee in base a quanto previsto dall’articolo 11 decreto legislativo 142/2015”.

L’amministrazione comunale sta facendo il possibile per offrire accoglienza ai profughi o presunti tali la cui presenza, anche a detta del Sindaco Nardella, sta però raggiungendo una soglia insostenibile. Sembra strano però che, per rispondere convenientemente a una critica dell’opposizione, si sia dovuti ricorrere addirittura all’ausilio del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.