La Toscana seconda in classifica

Animali: alberghi animal free aumentati del 60% in cinque anni

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

petallowed

MILANO – Grazie alle leggi promosse e fatte approvare dalla parlamentare di Forza Italia, Maria Vittoria Brambilla, che difende da sempre a spada tratta i diritti degli animali, a costo di sacrificare talvolta quelli degli umani, sono aumentati a dismisura, da 5 anni a questa parte, gli alberghi e i complessi ricettivi che accettano gli animali. Anche in questo tipo di accoglienza si distingue la Toscana che sale sul podio delle regioni più organizzate per i clienti che per le vacanze portano i loro fedeli amici al seguito. Un’inchiesta fatta da Aidaa, Associazione italiana difesa animali ed ambiente, sulle caratteristiche di oltre 400 alberghi in tutta Italia è emerso che quelle maggiormente attrezzate per ospitare gli animali di affezione sono nell’ordine la Valle D’Aosta, la Toscana e la Puglia. Fanalino di coda il Molise e la Calabria. Nell’analisi realizzata sulle pagine di presentazione dei singoli alberghi vengono tenuti in debito conto sia il tipo di animali accettati (per i cani anche la taglia) e le strutture e gli spazi a disposizione per loro cosi come i servizi (trasporto, dog sitter). Un dato significativo riguarda l’insieme delle strutture: rispetto a cinque anni fa sono aumentate dei 60% le strutture alberghiere che ospitano cani e gatti anche se molte ancora con limitazioni rispetto alla taglia e ai servizi a loro riservati.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.