Si tratta di marocchino di 29 anni

Firenze: arrestato il rapinatore che aveva colpito la vittima con una pala

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Carabinieri all'esterno dello stabile dove due persone sono state accoltellate a morte, Firenze, 29 giugno 2016. ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

FIRENZE – Un uomo di 29 anni, marocchino, è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di essere l’autore della rapina a una donna di 69 anni avvenuta il 15 agosto scorso in via della Funga, alla periferia di Firenze. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri sarebbe stato il ventinovenne, già noto alle forze dell’ordine, a colpire alle spalle l’anziana con una pala mentre andava in bicicletta, causandole contusioni multiple giudicate guaribili in venti giorni e portandole via sia la borsa che la bici.

Il fermo di indiziato di delitto è stato disposto dal pm Paolo Barlucchi. L’uomo è stato individuato dai carabinieri grazie alla descrizione fornita dalla vittima della rapina, da un testimone e da una ragazzina di 16 anni, che l’uomo, aveva provato a rapinare poco prima di aggredire l”anziana, rinunciando poiché messo in fuga da altre persone. Ieri è stato individuato e fermato nel corso di servizi di controllo appositamente disposti nella zona.

Continuando nell’accoglienza indiscriminata promossa dalla regione e dal governo dovremo rassegnarci a una moltiplicazione di episodi di questo genere, protagonisti immigrati senza lavoro. Tanto più che l’uomo, già noto alle forze dell’ordine evidentemente perché aveva commesso qualche precedente reato, girava a piede libero come se niente fosse. Non c’è da meravigliarsi che gli arrivi in Italia aumentino a dismisura: si è sparsa la voce che da noi si viene ospitati e nutriti gratis e si può anche delinquere senza pericolo di sanzioni severe, a differenza di quel che avviene in molti paesi dai quali gli immigrati provengono.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.