L'omicidio in pineta

Morto accoltellato a Viareggio: la gelosia il movente del delitto. L’ipotesi dei carabinieri

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Auto carabinieriLUCCA – E’ stato accoltellato per gelosia? I carabinieri che hanno condotto le indagini sulla morte del marocchino trovato a Viareggio pensano che sia stato forse un apprezzamento di troppo alla compagna del suo presunto omicida alla base del delitto di cui è rimasto vittima  Mohamed Hamdi, 46enne trovato morto lo scorso 16 agosto su una panchina al laghetto dei cigni nella pineta di Viareggio. I carabinieri hanno arrestato Mostapha Essami, marocchino trentaseienne senza fissa dimora, rintracciato la notte scorsa in una baracca a Campi Bisenzio.

I particolari della vicenda che ha avuto il suo epilogo a Viareggio sono stati resi noti in una conferenza stampa. Sin da subito le indagini si erano concentrate verso l’ambiente dei senzatetto dell’area metropolitana fiorentina, visto che i trascorsi della vittima erano totalmente decontestualizzati dall’area viareggina. Da qui la pista che ha portato all’individuazione del 36enne, nella cui baracca sono stati rinvenuti numerosi reperti riconducibili all’omicidio. Si sarebbe trattato dunque di un delitto per gelosia, scaturito dalle vicende di un gruppo di senzatetto che avevano deciso di trascorrere il ferragosto in Versilia, e quindi totalmente estraneo alle vicende di droga legate alla zona della pineta. In particolare il presunto assassino vive insieme a una 35enne di origine moldava che non e’ escluso potesse essere stata presente in pineta assieme ad altre persone al momento dell’omicidio. Nella loro baracca i carabinieri hanno sequestrato alcuni coltelli che saranno adesso analizzati dagli
esperti del Ris e comunque compatibili con le ferite riportate al cuore dalla vittima. Il fermato non ha reagito all”arresto ma si è chiuso nel silenzio. Adesso è rinchiuso nel carcere di Firenze.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.