I carabinieri ne hanno ritrovate 2.500

Firenze: postino di una ditta privata getta le bollette nei boschi del Mugello invece di consegnarle. Denunciato

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

CarabinieriFIRENZE – Recapitare centinaia di bollette? Meglio buttarle via, disperderle nei boschi. Si fa prima. Il postino, 27 anni, dipendente di una ditta privata incaricata della consegna nella zona di Barberino del Mugello, è stato denunciato dai carabinieri per sottrazione di corrispondenza. In un’area boschiva nel comune di Barberino sono state recuperate 2.500 bollette mai consegnate, emesse a partire dallo scorso maggio. Secondo quanto emerso, da tempo i residenti della zona, molti dei quali avrebbero ricevuto solleciti di pagamento nell’ultimo periodo, avevano segnalato ai carabinieri la mancata consegna delle bollette. Alcuni si sarebbero anche lamentati del mancato arrivo della posta facendo partire un tam tam sui social network. A trovare i pacchi di posta mai consegnata è stato un abitante della zona.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, prima di gettare le bollette il postino le ”smarcava”, segnalandole all’azienda come consegnate. Per questo, quando gli utenti chiedevano notizie della loro posta, la ditta rispondeva che era stata regolarmente recapitata. La corrispondenza trovata nel bosco era pronta per essere consegnata, ancora suddivisa in pacchi distinti in base alla zona di destinazione. I carabinieri l”hanno restituita all’azienda, che provvederà a recapitarla ai destinatari.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.