Firenze: battesimo a Sollicciano, a settembre, per bambina di 18 mesi figlia di una detenuta

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Carceri: chiuso camminamento ronda muro cinta a SolliccianoFIRENZE – La data è stata già scelta: la seconda domenica di settembre, all’interno del carcere, sarà battezzata una bimba di 18 mesi, che vive con la madre nella casa circondariale di Sollicciano. «Abbiamo chiesto le autorizzazioni per far entrare i parenti e il padre, che è attualmente agli arresti domiciliari», spiega don Vincenzo Russo, cappellano del carcere. La piccola di un anno e mezzo è entrata nel carcere dopo l’arresto della madre, che dovrà scontare ancora oltre un anno di reclusione.

«La bambina vive in una situazione pesante – denuncia don Vincenzo – tenere in carcere un bimbo è un atto illegale, un sequestro, perché chi è cresciuto in cella da adulto avrà dei cancelli nello stomaco. In passato ci siamo attivati per far uscire i bambini dal carcere, e siamo arrivati a un protocollo con ministero, Regione Toscana e tribunale per aprire una struttura idonea in uno spazio messo a disposizione dalla Madonnina del Grappa a Firenze, ma ora ci è stato detto che le istituzioni non intendono più attuarlo perché i bimbi sono diminuiti».

Sulla vicenda è intervenuto anche il deputato e responsabile sanità del Pd Federico Gelli, che ha annunciato un’interrogazione al ministro Orlando, per conoscere eventuali casi analoghi, ad oggi 46 in tutta Italia, e stabilire una procedura standard per evitare il loro ripetersi. Quanto al caso della bimba che si trova a Sollicciano, Gelli ha detto che è opportuno trovare urgentemente una struttura sorvegliata in grado di ospitare la bimba e che le permetta di crescere nel pieno rispetto della dignità umana.

Madre e figlia trascorrono tutto il giorno in una cella. A disposizione della bambina, che può uscire dal carcere solo con gli operatori sociali, ci sono giochi e bambole ma la sua vita dietro le sbarre resta
difficile: pochi mesi fa, giocando nei corridoi del carcere, ha ricostruito oggi il Corriere Fiorentino, la piccola si è fatta male chiudendosi una mano tra le sbarre e l’arto le è stato ingessato.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.