Morti e feriti ad Amatrice, Arquata del Tronto, Accumoli

Terremoto: scosse (magnitudo 6.3, 3.8 e 4.8) nell’Italia Centrale. Avvertite anche in Toscana. Paura nella notte

di Redazione - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa
La zona delle scvosse di terremoto di stanotte, 24 agosto 2016

La zona delle scosse di terremoto di stanotte, 24 agosto 2016

ROMA – Scosse di terremoto (di magnitudo 6.3, 3.8 e 4.8) sono state avvertite nella notte, poco dopo le 3,30 di oggi 24 agosto, nell’Italia Centrale. L’epicentro sarebbe stato individuato nella provincia di Rieti, ad appena 4 chilometri di profondità. Si segnalano danni ad Ascoli Piceno e ad Amatrice. Lo sciame sismico avrebbe poi provocato altre scosse di minore intensità. Il terremoto è stato avvertita a Roma, in maniera abbastanza prolungata, ma anche in Toscana, e in tutta la provincia di Firenze. Ma buona parte dell’Italia è stata scossa: dalla Lombardia a Rimini e fino a Napoli. Così come in Umbria, soprattutto nella zona di Norcia. Non poche persone si sono svegliate e hanno chiamato il centralino dei vigili del fuoco.  Il capo del Dipartimento della protezione civile, Fabrizio Curcio, ha convocato il Comitato operativo.

 

terremoto2AGGIORNAMENO DELLE 4,43

Popolazione in strada a Norcia, dopo le forti scosse di stanotte nel Reatino. Secondo le prime informazioni, verrebbero segnalati alcuni crolli parziali e crepe nei muri. Le verifiche da parte di vigili del fuoco, carabinieri e delle altre forze di polizia sono ancora in corso. Controlli anche nella zona di Cascia e nello Spoletino.

AGGIORNAMENTO DELLE 4,54

«Qui è un dramma vero, sono nel mezzo di un paese che non c’è più, la gente è sotto le macerie». A dirlo all’Adnkronos è Sergio Pirozzi, il  sindaco di Amatrice nel reatino colpito dal terremoto di questa notte. «Ci sono stati crolli. La popolazione è in strada e stiamo portando tutti verso la zona di evacuazione, quella dei campi sportivi». E’ stato un “sisma severo”, dalle prime informazioni ci sono stati feriti e crolli importanti. Lo ha detto a RaiNews24 il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Piena emergenza anche nel paese di Accumoli, con case crollate e gente sotto le macerie.

AGGIORNAMENTO DELLE 5,07

Il sisma ha provocato alcuni crolli di parti di edifici ad Arquata del Tronto e Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Per il momento non vengono segnalati feriti, ma alcune persone sono state colte da malore e soccorse dal 118. Anche ad Ascoli si registrano crepe nei muri di abitazioni private e mezza città è scesa in strada dopo la prima forte scossa. Molte persone trascorreranno la notte nelle auto, parcheggiate in zone aperte, lontano da tetti e cornicioni.

AGGIORNAMENTO DELLE 5,15

Nessun danno ad Assisi, che fu sconvolta dal terremoto del 1997. Stavolta per le Basiliche di San Francesco non ci sono stati danni, nonostante il forte terremoto avvertito nella notte. Lo ha detto padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento. La scossa ha svegliato l’intera comunità francescana. I frati e il capo restauratore, Sergio Fusetti, si sono subito recati nella Basilica superiore e in quella Inferiore per verificare la situazione. Al momento non risulta nulla, ma le verifiche proseguiranno nelle prossime ore.

AGGIORNAMENTO DELLE 6,48 – Morti a Arquata del Tronto, Accumoli, Amatrice

La scossa ha provocato morti e feriti. Ad Arquata del Tronto sono state accertati due morti. Vittime sono segnalate anche ad Accumoli dove ci sono sei morti e una famiglia di quattro persone – due bambini piccoli e i loro genitori – è sotto le macerie e non dà segni di vita secondo quanto testimonia il sindaco Stefano Petrucci. Morti anche ad Amatrice dove ci sono molti crolli. Il sisma ha raso al suolo la frazione di Pescara del Tronto (Ascoli Piceno) e si teme che fra le macerie possano esserci vittime.

AGGIORNAMENTI ULTERIORI A QUESTO LINK: Accumoli

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.