Nella splendida cornice medievale

Montepulciano: il Bravìo delle Botti 2016 alla contrada di Voltaia

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
bravio delle botti 2016

Il Bravìo delle Botti 2016

FIRENZE – A Montepulciano la contrada di Voltaia si è aggiudicata il Bravìo delle Botti 2016.

Grande festa per la contrada rosso-nera che, pur partendo dall’ultima posizione, riesce a scalare Montepulciano e conquistare la vittoria. La partenza difficile non ha scoraggiato gli spingitori di Voltaia, Attilio Niola (Attila) e Matteo Paganelli (White Kenyan), arrivati primi sul sagrato del Duomo.

La giornata a Montepulciano era iniziata con le migliori premesse, grazie a una splendida giornata di sole. Migliaia di persone tra contradaioli, cittadini e turisti hanno affollato Piazza Grande e le vie cittadine per tutta la domenica. Le estrazioni delle postazioni di partenza durante la mattina avevano fatto pensare a un epilogo diverso: la favorita Collazzi era stata infatti estratta in prima posizione, seguita da Talosa, San Donato, Gracciano, Poggiolo, Le Coste, Cagnano e Voltaia.

La gara. Proprio la contrada di Collazzi, che era stata considerata come una delle principali candidate alla vittoria nei giorni precedenti alla corsa, è scattata in testa alla gara grazie alle capacità atletiche della coppia Ciro Franch (Aggiusto) e Pierangelo Bondi (Divino), ma gli spingitori di Voltaia hanno subito dimostrato che gli ottimi tempi fatti registrare durante le prove non erano stati casuali e i lunghi allenamenti avevano dato i loro frutti. Con un’emozionante sorpasso in via dell’Opio, la coppia di Voltaia ha superato gli spingitori di Collazzi e si è involata verso il sagrato del Duomo, trionfando con un tempo di 8 minuti e 44 secondi.

La festa di Voltaia. Attilio Niola e Matteo Paganelli sono stati portati in festa dai contradaioli e dal giovane rettore Alessio Bellari. Per “Attila” si tratta della terza vittoria in assoluto, mentre per “White Kenyan” è la prima. Una vittoria da subito dedicata al “Cica” Giordano Bellari, dirigente di Voltaia prematuramente scomparso nel corso dell’anno.

La classifica finale. Questo l’ordine di arrivo definitivo: Voltaia, Collazzi, Le Coste, Poggiolo, Talosa, Cagnano, San Donato e Gracciano. La contrada di Voltaia torna così alla vittoria dopo un anno di pausa, aggiudicandosi il suo quarto Bravìo delle Botti: nel 2014 era stato proprio Attilio Niola a trionfare assieme a Giacomo Valentini.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.