La nota della Regione

Terremoto: in funzione i tre campi della Regione Toscana. Attenzione: non servono altri volontari

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

terremoto tende toscanaFIRENZE – La Protezione civile regionale della Toscana ha messo a regime i dei tre campi costruiti in questi giorni nelle località del Centro Italia colpite dal terremoto. In queste ore – si legge in una nota della Regione – si lavora alla sostituzione dei bagni chimici con altri stabili dotati di impianti idraulici e fogne. In previsione di un possibile peggioramento meteorologico, nei campi si sta lavorando per dotarli di camminamenti antifango e canalette di drenaggio, queste ultime realizzate in collaborazione con l’Esercito che ha fornito un escavatore.

Presto il campo di Cornillo Nuovo, quello che ospita gli addetti regionali della Protezione civile e i volontari della colonna mobile delle associazioni – 110 persone in tutto -, sarà dotato anche di una cella frigorifera per lo stoccaggio degli alimenti deperibili. Gli altri due campi organizzati dalla Toscana accolgono la popolazione sfollata della zona: a Cornillo vengono ospitate 25 persone e a Musicchio altre 35. Gli sfollati arrivano nei campi la sera, per mangiare e riposare. Il resto della giornata lo trascorrono soprattutto nei pressi delle loro
abitazioni, spesso anche in piccole tende canadesi di fortuna. Nel campo di Cornillo Nuovo è stata inoltre eretta la cosiddetta
”tenda sociale”, con all”interno anche una televisione che fornisce aggiornamenti e ultime notizie sul dopo terremoto.

Gli uffici regionali – precisa ancora la nota regionale –  hanno ricevuto in questi giorni molte telefonate di cittadini pronti a partire come volontari per i luoghi colpiti dal terremoto. “Nel ringraziarli tutti per la generosità espressa”, la Regione tuttavia informa che “al momento non è previsto nessun invio di nuovi volontari sul posto e, nel caso ne servissero altri, questi saranno forniti dalle
associazioni del volontariato che costituiscono la Colonna mobile toscana“. Anpas, Misericordie e Croce Rossa Italiana sono infatti
attive tutto l”anno nel reclutare e formare volontari in caso di emergenza. Chi volesse contribuire con un aiuto economico a
sostegno dei progetti per il ”dopo terremoto”, conclude la nota, può farlo con un versamento sul conto corrente che Regione
Toscana e Anci hanno attivato per i territori del Centro Italia funestati dal sisma. Il conto è l”8888.32, presso l”agenzia 17
di Mps a Firenze: Iban IT 43 Q 01030 02818 000000888832.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.