Commovente sfilata dopo la partita con il Chievo

Fiorentina: la festa dei 90 anni nella notte del Franchi. Con i campioni: Antognoni, Albertosi, De Sisti e tutti i più grandi

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Sport, Top News

Stampa Stampa
I viola del passato e i giocatori di oggi in mezzo al campo nella notte del Franchi, per celebrare i 90 anni della Fiorentina

I viola del passato e i giocatori di oggi in mezzo al campo nella notte del Franchi, per celebrare i 90 anni della Fiorentina (Foto Palinko)

FIRENZE –  Festa, dopo la partita con il Chievo, per i 90 anni della Fiorentina. Festa in tono minore per rispetto alla gente colpita dal terremoto, alla quale, intanto, va l’incasso della partita di stasera: 443 mila 418 euro. Ma sempre una festa che tocca. Perché sapete, mi sono emozionato anch’io: quelli in campo, anche con i capelli bianchi e con il bastone, li ho conosciuti praticamente tutti in 50 anni di professione. Impossibile passare in rassegna le sensazioni e i ricordi. Ma li ho voluti citare tutti, uno per uno. Anche coloro che non ci sono più e sono stati rappresentati da mogli, figli e parenti vari.  Prima sfilano i viola club, accompagnati dal passo cadenzato dei figuranti del Calcio in costume. Lorenzo Baglioni inonda lo stadio con la sua canzone dedicata alla Fiorentina. Quindi il clou della serata: Andrea Della Valle, il patron, accoglie sul tappeto viola i grandi che hanno fatto la storia della Fiorentina. Nomi amati che provocano entusiasmo e qualche lacrima.

Giancarlo Antognoni durante la premiazione per i 90 anni della Fiorentina

Giancarlo Antognoni durante la premiazione per i 90 anni della Fiorentina

Luciano Chiarugi con Andrea Della Valle

Luciano Chiarugi con Andrea Della Valle

Ed ecco la super parata di campioni. In ordine alfabetico per non fare torto a nessuno: Enrico Albertosi; Francesco Ciccio Baiano; Fulvio Bernardini, allenatore del primo scudetto, premiata la figlia Mariolina; Mario Bertini; Daniel Bertoni; Stefano Borgonovo, rappresentato dalla moglie Chantal; Giuseppe Pino Brizi; Domenico Mimmo Caso; Sergio Castelletti, rappresentato dal figlio Stefano; Alberto Cavasin, allenatore che vinse la C2; Sergio Cervato, rappresentato dal figlio Gabriele; Beppe Chiappella, rappresentato dalla figlia Cinzia; Luciano Chiarugi, Cavallo Pazzo; Enrico Chiesa, già bomber, ora babbo di Federico; Leonardo Costagliola; Lajos Czeizler, rappresentato da diplomatici ungheresi; Dario Dainelli; Giancarlo Picchio De Sisti; Claudio Desolati; Alberto Di Chiara; Salvatore Ciccio Esposito; Ugo Ferrante, rappresentato dalla moglie Gianna; Sebastian Frey; Giancarlo Galdiolo, rappresentato dal figlio Alessandro; Giovanni Galli; Luigi Griffanti, rappresentato dal figlio Vieri; Martin Jorgensen; Julinho, rappresentato dal nipote Carlos Alberto Botelho; Ardico Magnini; Mario Maraschi, che festeggia anche il compleanno; Daniele Massaro; Mario Mazzoni, allenatore della Coppa Italia del ’75; Romeo Menti (Grande Torino e Coppa Italia in viola negli anni ’40) rappresentato dal figlio Niccolò; Claudio Merlo; Emiliano Mondonico; Paolo Monelli; Miguel Angel Montuori, rappresentato dalla figlia; Andrea Birillo Orlandini; Alberto Orlando; Alberto Orzan; Eraldo Pecci; Ennio Pellegrini; Bruno Pesaola, allenatore del secondo scudetto, rappresentato dal figlio Diego; Carlo Piccardi, rappresentato dal figlio Marco; Mario Pizziolo, rappresentato da Lorenzo Zampini; Maurilio Prini, rappresentato dal figlio Daniele; Tomas Repka, rappresentato da Lubos Kubik; Cristian Riganò; Francesco Rizzo; Alessio Robbiati detto Spadino; Enzo Robotti; Armando Segato, rappresentato dal figlio Alessandro; Ezio Sella; Socrates, rappresentato dai fratelli; Franco Superchi;  Alessio Tendi; Luca Toni; Ferruccio Valcareggi, rappresentato dal figlio Furio; Beppe Virgili detto Pecos Bill, rappresentato dal figlio Aurelio; Cesare Prandelli; Roberto Baggio (in video) ; Gabriel Omar Batistuta (in video); Manuel Rui Costa (in video); Francesco Toldo; Gonzalo Rodriguez (l’unico ancora in maglia viola); Daniel Passarella; Thomas Ujfalusi; Carlos Dunga; Kurt Hamrin, detto Uccellino; Adrian Mutu. Infine lui, Giancarlo Antognoni, il ragazzo che giocava guardando le stelle, l’unico 10 e capitano per sempre.

Luca Toni alla festa dei 90 anni della Fiorentina, nella notte del Franchi

Luca Toni alla festa dei 90 anni della Fiorentina, nella notte del Franchi

Assenti? Sì, e anche molto importanti. Ne cito due: Giuliano Sarti, il portiere del primo scudetto e uno dei più grandi numeri uno di tutti i tempi, e Tavares Da Silveira, ossia Amarildo, uno degli artefici del secondo scudetto e campione del mondo con il Brasile, nel 1962, come vice Pelè. Mancavano loro e mancavano tanti altri. Magari, più avanti, li chiameranno. Oppure spiegheranno perché non li hanno premiati.

Eppoi la Fiorentina di oggi, guidata da Paulo Sousa e Pantaleo Corvino. Tutta la rosa, al completo, per applaudire i viola del passato. Quindi le note dell’inno della Fiorentina, cantato da Narciso Parigi.

Tag:, , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.