Diffuse dall'Agenzia spaziale italiana

Terremoto: prime immagini dallo spazio dei danni causati dal sisma

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Economia

Stampa Stampa

Terremoti/Terremoto, prime immagini dallo spazio dei danni inferti dal sismaROMA – L’Agenzia Spaziale Italiana ha pubblicato le prime immagini satellitari delle aree colpite dal sisma del 24 agosto scorso: gli “occhi” del sistema COSMO-SkyMed, al lavoro dalle prime ore successive al disastroso sisma che ha colpito le aree appenniniche del centro Italia, sono stati configurati in modalità di emergenza e puntati – spiega l’Asi – alle zone interessate dal terremoto delle 3.36 della scorsa settimana. I dati acquisiti sono stati elaborati e analizzati con il supporto della Protezione Civile e l’Ingv (Istituto nazionale geofisica e vulcanologia) per gestire l’emergenza.

“Il sistema COSMO-SkyMed, attivato la stessa notte del terremoto, ha iniziato ad acquisire immagini di precisione a partire dal 26 agosto, evidenziando le aree colpite, sia a livello dei singoli centri abitati che dell’insieme del vasto territorio interessato dal sisma – ha spiegato il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston -. Questo monitoraggio quotidiano di precisione continuerà nei prossimi mesi in accordo con le richieste della Protezione Civile e dei Centri di Competenza dell’Ingv e del Cnr per permettere l’identificazione delle faglie attive e monitorare gli effetti della sequenza di scosse seguite a quella iniziale. Si tratta di uno strumento fondamentale a disposizione del nostro Paese per la valutazione del danno sismico e successivamente per lo sviluppo di un modello geofisico delle aeree colpite”.

“I centri di eGEOS dalle prime ore dopo il sisma hanno ininterrottamente supportato da Matera e dalla ‘emergency room’ di Roma l’Agenzia Spaziale Italiana, la Protezione Civile e i centri di competenza nazionali nella gestione dell’emergenza”, ha aggiunto il direttore del settore Spazio di Leonardo-Finmecccanica, Luigi Pasquali. “Il nostro Centro per le emergenze produce mappe e dati di dettaglio delle zone colpite dal sisma, utilizzando tutte le tecnologie disponibili, aeree e satellitari ed in primis l’assetto della costellazione COSMO-SkyMed. I dati ricevuti dal Centro Spaziale di Matera e successivamente elaborati forniscono informazioni sui danni, sullo stato delle infrastrutture e su quanto avvenuto su grande scala”.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.