Nel menù anche sedanini all'Amatriciana

Firenze, San Frediano a cena, martedì 6 settembre: il ricavato ai terremotati. Torrino d’oro a Paulo Sousa

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Economia, Sport

Stampa Stampa

 

Paulo Sousa

Paulo Sousa

FIRENZE – Il ricavato della XVI edizione di San Frediano a Cena, Premio Torrino d’oro verrà devoluto a favore delle popolazioni colpite dal recente terremoto. Una volta appresa la tragedia che ha colpito le località del Lazio e delle Marche, l’Associazione Tumori Toscana- che quest’anno era stata individuata come beneficiaria degli utili della serata del 6 settembre in piazza Cestello – e il Comitato  San Frediano  a cena hanno deciso consensualmente di dirottare la somma che verrà raccolta sul conto corrente del Comune di Accumoli, uno dei più devastati dal tragico evento.

“È stato naturale – dicono Roberto Ciulli ,Presidente del comitato S.Frediano a cena e Giuseppe Spinelli, Presidente dell’A.T.T. – pensare di poter aiutare chi in questo momento si trova in una situazione di drammatico bisogno. La solidarietà passa anche attraverso la capacità di guardare oltre la propria condizione e affrontare qualche sacrificio per poter aiutare gli abitanti di questo piccolo paese. Abbiamo già contattato il sindaco di Accumuli e nelle prossime settimane ci recheremo personalmente sul posto per esprimere direttamente la nostra vicinanza e il nostro sostegno.”

Non solo. Nel menù, predisposto da Villa Viviani, saranno inseriti i sedanini all’Amatriciana. “San Frediano a cena” quindi continua nella sua tradizione legata alla solidarietà e allarga i suoi orizzonti anche fuori dalla città di Firenze come già accaduto con l’alluvione in Alta Versilia (con un contributo al Comune di Mulazzo) e al terremoto in Emilia Romagna.

Confermato il programma della serata – presentata da Tiberio Timperi – con l’assegnazione dei Torrini d’oro (opera dell’Argenteria Peruzzi) a personaggi di spicco delle istituzioni, della cultura, dello spettacolo, dello sport, fiorentini o legati alla città. Quest’anno i premi saranno conferiti all’attore Pierfrancesco Favino, all’allenatore della Fiorentina Paulo Sousa, alla Bandabardò, alla Galleria Romanelli, alla maison Enrico Coveri e al tenore Devid Cecconi. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio del Comune di Firenze e del Consiglio di Quartiere 1.

Confermata anche fin da ora la volontà di rinviare al 2017 l’appuntamento con l’Associazione Tumori Toscana che dal 1999 cura gratuitamente e a domicilio i malati oncologici. Attualmente è la più grande associazione della Toscana in termine di pazienti assistiti con 1200 nuove richieste di assistenza solo nel 2015 ed ogni giorno assiste circa 300 pazienti con un’équipe poli-specialistica composta da medici, psicologi, infermieri professionali ed operatori socio-sanitari.

Il costo della cena è di 28 euro e prevede il seguente menù: sformatino di porri su crema di pecorino, sedanini all’Amatriciana, tortelli di patate su ragù di cinta senese, fusi di pollo alla castellana, borbottino di verdure, assaggio di lesso rifatto con le cipolle (“Francesina”), zuccotto alla fiorentina, cantuccini di Prato, spumante e caffè.  Pochissimi ancora i biglietti disponibili presso il circolo Rondinella del Torrino (dalle 15 alle 19) in Lungarno Soderini 2 (tel. 055/215921).

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.