Trovate anche tracce di dna

Sansepolcro, omicidio di Katia dell’Omarino: un testimone dà la svolta alle indagini

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

carabinieriAREZZO – C’è chi avrebbe visto l’assassino di Katia Dell’Omarino. Una testimonianza potrebbe far scoprire chi ha ucciso lungo il torrente Afra, a Sansepolcro, Katia dell’Omarino, la 40enne trovata morta il 12 luglio scorso. Secondo quanto emerge da fonti vicine agli investigatori, a dare indicazioni decisive sarebbe stato un testimone che avrebbe visto la sera precedente al delitto, Katia Dell’Omarino, di Sansepolcro, salire su un’auto. La 40enne fu trovata morta con la testa spaccata da quella che è stata definita un’arma impropria, forse una mazza o un robusto ombrello o addirittura una pietra.

Durante l’autopsia l’equipe di medicina legale di Pisa rinvenne tracce di dna. In questi giorni sono state effettuate centinaia di comparazioni, ma la rosa si sarebbe ristretta proprio nelle ultime ore, escludendo le frequentazioni umbre di Katia e concentrandosi su alcune persone della Valtiberina aretina.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.