Andrà al ministero a Roma, capo ufficio demanio

Costa concordia: il comandante De Falco lascia Livorno ma conferma le accuse

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Il capitano Gregorio De Falco

Il comandante Gregorio De Falco

LIVORNO – «Non ho abbandonato la nave, che è sempre la stessa, quella dell”amministrazione, e io resto a bordo anche sono stato usato per quella mia frase rivolta a Schettino e data in pasto ai giornali. Ora spero che la direzione e la rotta della nave sulla quale mi trovo siano le stesse». Lo ha detto il comandante Gregorio De Falco in un’intervista al quotidiano Il Tirreno, dopo avere lasciato la capitaneria livornese per assumere l’incarico di capo ufficio demanio della Marina militare. L’ufficiale spiega di essere finito in un angolo dopo essere stato l’eroe delle fasi di soccorso per le indagini svolte: “Nella vicenda della Concordia vi sono mancanze gravi, seppur di carattere amministrativo, di cui è responsabile la compagnia. Non funzionò il generatore di emergenza della Concordia e il sistema di gestione della Costa non partì perché non esisteva. C’era solo un telefono dell’unità di crisi. Questa mancanza rileva la responsabilità della società e ne consegue la necessità di rivedere i presupposti perché Costa gestisca altre navi”.

Infine, De Falco dopo avere promesso “di voler tornare ogni anno al Giglio per riabbracciare i miei superstiti” ha concluso: “Il primo pensiero che mi torna in mente pensando a questa sciagura è l’incredulità: quando seppi della dinamica mi chiesi come era stato possibile. La definì bene l’ex procuratore di Grosseto Francesco Verusio: fu una ”manovra scellerata”. E scellerata è il termine adatto perché esprime la mancanza di senno e di coscienza, ma anche di senso di responsabilità di Schettino”.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.