Le dichiarazioni ottimistiche della responsabile del dicastero

Scuola: la ministra Giannini assicura, l’anno partirà regolarmente. Scettici e perplessi operatori e sindacati

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Cultura, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

giannini

ROMA – «Come ogni anno la complessità che la scuola mette in moto scatena tutta una serie di preoccupazioni, tutte legittime, ma come ogni anno, parlo del nostro governo, credo che l’anno scolastico inizierà tra pochi giorni regolarmente». Lo ha dichiarato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a margine del workshop Ambrosetti. “La mobilità l’abbiamo gestita nella sua complessità – ha spiegato – ricordo che quest’anno la legge 107 ha dato la possibilità a tutti i docenti su tutti i posti disponibili di fare domanda per la mobilità, significa 207mila persone, ricordo la percentuale di insoddisfazione è inferiore al 2% quindi mi pare che sia un dato assolutamente importante e – ha  proseguito la Giannini – che dia la garanzia. L’incrocio tra piano mobilità, vincitori che andranno in cattedra e tutto quello che è già avvenuto lo scorso anno – ha concluso il ministro – dimostra che c’è una macchina anche amministrativa che sta facendo egregiamente il proprio lavoro.”

Peccato che i sindacati di categoria e i giornali specializzati mostrino una realtà del tutto diversa, proteste di insegnanti, cattedre ancora vuote, concorsi da ultimare, errori dell’algoritmo nei trasferimenti. Ma tutto questo alla ministra non interessa, deve seguire la linea dettata dal premier: tutto va ben, madama la marchesa.

Tag:, , , , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.