Le indagini della polizia

Siena: rapine a banche e farmacie. Tre arresti

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

poliziaSIENA – Tre romani sono stati arrestati dalla polizia di Siena. Secondo l’accusa venivano abitualmente in trasferta in Toscana, per mettere a segno colpi alle farmacie a agli istituti bancari. I poliziotti della squadra mobile della questura di Siena, diretti dal vice questore aggiunto Sabatino Fortunato, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip presso il Tribunale di Firenze. A due di loro l’ordine di arresto è stato notificato in carcere, essendo già detenuti perché arrestati in flagranza di reato il 31 marzo scorso per una rapina aggravata ad una gioielleria di Villalba di Guidonia (Roma), in occasione della quale, armati di una pistola, hanno sparato al titolare della gioielleria, ferendolo.

Le indagini sono scattate quando un pomeriggio di metà marzo scorso, uno sconosciuto, presentatosi all’ingresso della filiale di località Staggia Senese di Poggibonsi (Si) del Monte dei Paschi di Siena, si è allontanato in modo sospetto dopo che un bancario, avvicinatosi alla porta a vetro, gli ha detto, senza aprirgli, che la banca era chiusa. Gli uomini della squadra mobile della questura di Siena, informati dell’accaduto, hanno voluto vederci chiaro e, analizzando le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza della filiale bancaria, hanno rilevato in quella circostanza che l’uomo era sceso da un’autovettura, fermatasi a distanza e poi rivelatasi rubata, a bordo della quale viaggiavano altri due soggetti.

In definitiva, tutto ha fatto ritenere che quei tre fossero determinati nell’occasione a rapinare quella filiale ma l’azione delittuosa non aveva avuto neppure inizio perché la banca era già chiusa. Nel pomeriggio del 17 marzo, poi, un uomo armato di taglierino ha rapinato la filiale di via Zani, a Siena, di Unipol Banca, impossessandosi di 55 euro. Due individui fuggiti in sella ad una motocicletta, uno dei quali armato di pistola, hanno messo a segno, la sera di quello stesso 17 marzo, una rapina alla farmacia di via Cassia Nord, località Tognazza, a Monteriggioni (Si), che ha fruttato 200 euro.

Il seguente 18 marzo, anche in questo caso di sera, ancora una volta due persone, di cui una armata di pistola, hanno rapinato la farmacia comunale di via Borgo di Tressa, a Monteroni d’Arbia (Si), riuscendo ad appropriarsi di milletrecentocinquanta euro ed allontanandosi a bordo di una motocicletta descritta di grossa cilindrata, evidentemente la stessa usata dai rapinatori nell’analoga azione della sera prima.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.