Operazione pulizia

Firenze: troppe bici sui monumenti. Via alla rimozione. Blitz al Ponte Vecchio

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Un parcheggio incustodito di bicicletteFIRENZE- Deturpano la città gli ammassi  di biciclette accatastate in piazze storiche e spazi monumentali come il Ponte Vecchio, piazza Santa Maria Novella, piazza Santa Croce. Dopo l’allarme lanciato dalla polizia municipale, secondo la quale le decine e decine di bici legate ovunque nel centro storico hanno un impatto sulle aree monumentali, è scattato il giro di vite dell’amministrazione comunale. Così da stamani, 8 settembre, dopo una campagna di avvertimento con cartelli e volantini, lanciata nelle scorse settimane, è partita l’operazione pulizia, con multe e rimozioni nelle zone del Ponte Vecchio e dell’Oltrarno.

I controlli dei vigili urbani, al termine della mattinata hanno portato a 16 multe (la sanzione è 50 euro più 12 in caso di rimozione), con 13 rimozioni per assenza di proprietario sul posto. Prossime tappe per i controlli a tappeto saranno altre aree a grande impatto turistico come piazza Signoria, piazza Santa Croce e piazza San Lorenzo; quindi piazza dell’Unità (vicino alla stazione) e piazza Santa Maria Novella.  “Le bici parcheggiate o abbandonate in ogni angolo del centro storico sono troppe: – dice l”assessore alla polizia municipale
Federico Gianassi – con questa campagna l”obiettivo che ci poniamo è tutelare il nostro grande patrimonio monumentale, e artistico oltre che migliorare il livello del decoro in città”.

Tag:, , , ,

Commenti (1)

  • betto iaquinta

    |

    io non ho parole per descrivere l’inutilità e la cattiveria delle istituzioni nel prendersela con i ciclisti …. forse meglio comprare un’auto e continuare ad inquinare l’ambiente, piuttosto che andare in bici !!
    mettessero le rastrelliere magari non ci sarebbero questi inconvenienti !!
    Firenze NON è una città vivibile con la bicicletta !!
    CHE PECCATO !!

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.