Fino al 18 settembre i Giochi per atleti con disabilità

Paralimpiadi, Rio 2016: l’Italia sfila dietro Martina Caironi. Da oggi via alle gare

di Redazione - - Cronaca, Sport

Stampa Stampa
Martina Caironi, portabandiera dell'Italia alle Paralimpiadi di Rio 2016

Martina Caironi, portabandiera dell’Italia alle Paralimpiadi di Rio 2016

RIO DE JANEIRO – Via ai Giochi per atleti con disabilità. Una grande emozione nella notte, anche in diretta tv. La staffetta della torcia olimpica dedicata alle Paralimpiadi 2016 è passata davanti alla statua del Cristo redentore sulla montagna del Corcovado di Rio de Janeiro, illuminata dai colori della bandiera dedicata ai Giochi riservati dal 7 al 18 settembre 2016 ad atleti con disabilità. 4.500 atleti di 161 nazioni gareggeranno per due settimane a testimoniare la vittoria sulle difficoltà. L’Italia partecipa con 101 atleti. La squadra ha sfilato nel Maracanà dietro la portabandiera, Martina Caironi, campionessa dei 100 metri (le venne amputata la gamba sinistra nel 2007).

La judoka brasiliana Rafaela Silva, tedoforo

La judoka brasiliana Rafaela Silva, tedoforo

Già oggi, 8 settembre, gli azzurri saranno in gara in tre prove. Nel tardo pomeriggio sarà Ruud Koutiki, già campione europeo due anni fa, a cimentarsi nelle batterie dei 400 T20 (disabilità intellettivo-relazionale). Il velocista italo-congolese, settimo nella rassegna iridata di Doha 2015, cercherà di proseguire sulla buona strada di una stagione in crescendo per aspirare a guadagnarsi un posto in finale.

Il presidente della Fispes Sandrino Porru saluta così l’inizio dell’avventura azzurra a Rio: “La squadra è carica e motivata a fare bene e dimostra una buona maturità per affrontare questa nuova sfida nonostante le difficoltà logistiche di questa città. Sono sicuro che la seria preparazione e professionalità dei nostri atleti ci porteranno al raggiungimento degli obiettivi prefissati prima della partenza. Già da ora voglio ringraziare lo staff tecnico che, a frontedi predette problematiche, stanno svolgendo un lavoro straordinario per mantenere il giusto equilibrio motivazionale e psicologico della squadra. A tutti va il mio ‘in bocca al lupo’ con l’augurio che ci saranno tanti spettatori davanti agli schermi a tifare per questa bella Nazionale”.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.