Va avanti la procedura per la sostituzione di Viola

Monte Paschi: a breve la nomina Ad di Morelli, dopo il via libera della Bce

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Monte dei Paschi di Siena

Monte dei Paschi di Siena

SIENA – In base a quanto appreso dall’Ansa il nome di Marco Morelli per la successione dell’ad di Mps Fabrizio Viola ha già ottenuto un preliminare e informale via libera dalla Bce, in seguito a una verifica svolta da Egon Zehnder, che è anche consulente dell’istituto centrale. Morelli avrebbe avuto anche contatti con il ministero dell’Economia. Si consolida dunque la candidatura del numero uno di Merril Lynch in Italia. Il banchiere, si fa notare, “ha tutti i requisiti per mettere d’accordo azionisti, Bce e banche d’affari”.

I contatti del weekend servono a mettere a punto le indicazioni che gli esperti della Egon Zehnder gireranno con ogni probabilità lunedì al presidente Massimo Tononi e al presidente del comitato nomine, Alessandro Falciai. Saranno loro poi, una volta constatato il gradimento ormai scontato dell’Eurotower per l’indicazione della nuova guida operativa, a portarla all’attenzione del cda per la nomina.

Intanto, è stato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a tornare ad auspicare “tempi molto rapidi” per la nomina, parlando al termine dell’Ecofin informale a Bratislava. Il titolare di via XX Settembre ha anche ribadito che la mission del nuovo amministratore delegato sarà quella di portare a termine il piano già concordato con la Bce per la maxi cessione di sofferenze e il conseguente aumento di capitale per la banca senese.

“Di Montepaschi non abbiamo parlato all’Ecofin, questo ve lo posso garantire”, ha esordito Padoan, senza sottrarsi alle domande dei giornalisti. A partire da quella più rilevante: le dimissioni di Viola possono far slittare l’attuazione del piano? “Io sono anzitutto molto grato al dottor Viola – ha risposto Padoan – per il lavoro che ha fatto in un momento difficile per la banca: l’ha rafforzata e ha affrontato ben due aumenti di capitale per un ammontare significativo di risorse. Sono anche convinto che la scelta del nuovo amministratore delegato, che mi auguro avvenga in tempi molto rapidi, rafforzi il piano e non lo modifichi”.

“La tempistica – ha concluso Padoan – sarà decisa dal consiglio di amministrazione, in concomitanza con gli advisor, che ovviamente devono tenere conto dell’andamento del mercato. Il timing non si decide a tavolino”.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.