Scroscio di pioggia violentissimo sullo stadio genovese

Fiorentina e Genoa sotto una bomba d’acqua. La partita di Marassi sospesa al 28′ (0-0). E rinviata

di Sandro Bennucci - - Primo piano, Sport, Top News

Stampa Stampa
Giocatori in fuga verso il tunnel degli spogliatoi sotto il rovescio d'acqua

Giocatori in fuga verso il tunnel degli spogliatoi sotto il rovescio d’acqua

GENOVA – Una bomba d’acqua ha fatto sospendere Genoa-Fiorentina poco prima della mezz’ora. Terreno inzuppato, impraticabile. Il proseguimento (perché si dovrà ricominciare dall’interruzione, ossia dal 28′) forse il 15 dicembre. E pensare che appena 30 minuti prima, all’inizio del gioco, sullo stadio di Marassi splendeva il sole e il termometro segnava 30 gradi. Bomba d’acqua: il termine lo coniai proprio io nel 1996, insieme ai professori Maracchi e Nardi, dopo l’alluvione nell’Alta Versilia. Bomba d’acqua significa pioggia violenta e concentrata. Che arriva all’improvviso e diventa devastante. Si potrebbe fare anche qualche polemica sulle condizioni dello stadio genovese, ma di fronte a un rovescio di queste proporzioni bisogna soprattutto prendere atto della situazione. Che cos’era successo nella prima mezz’ora? Una battaglia. Con il Genoa arrembante, ma con una Fiorentina pronta a prendere le contromisure.  Al 28′ lo scoscio che ha indotto l’arbitro Banti alla sospensione. Poi, dopo la fuga negli spogliatoi, il sopralluogo per far rimbalzare il pallone. Oparazione impossibile. Da qui il rinvio.

Particolare del terreno di Marassi diventato un acquitrino

Particolare del terreno di Marassi diventato un acquitrino

OLIVERA – Ed ecco che cos’era successo fino a quel momento. Sorpresa nella formazione della Fiorentina: debutta Maxi Olivera come esterno sinistro. Paulo Sousa lo ha preferito a Milic. Può darsi che si sia convinto, in allenamento, delle caratteristiche del giocatore uruguaiano magnificate, dubito alla fine del mercato, da Pantaleo Corvino. Schieramento con il 3-4-2-1, ossia con Borja Valero e Ilicic alle spalle di Kalinic, unica punta. Il Genoa non cambia molto rispetto alle prime due vittoriose partite di campionato. L’unica novità, annunciata, è il ritorno in squadra di Mattia Perin. Avvio con ritmi alti, con il Genoa che tenta di sfondare a destra, ma la Fiorentina contiene e cerca di ripartire. Borja (10’) brutalizzato a tre quarti da Rincon che avrebbe meritato anche l’ammonizione. La punizione di Ilicic prouce poco più di un innocuo calcio d’angolo. Poi clamoroso errore della difesa viola che mette in azione Pavoletti che scappa e calcia da lontano: Tatarusanu intuisce a blocca in tuffo. Protesta Paulo Sousa per alcuni interventi troppo duri dei genoani e Juric, allenatore genoano, fa l’offeso e a sua volta si fa sentire. Ma ha ragione Sousa: Kalinic e Badelj vengono picchiati ripetutamente dai rudi rossoblù. Piove . Sparisce il sole e il cielo si fa cupo. Devono essere addirittura accesi i riflettori dello stadio. E’ un nubifragio.

Lo stadio di Marassi investito dalla bomba d'acqua

Lo stadio di Marassi investito dalla bomba d’acqua

ASTORI – Nella tempesta, salvataggio provvidenziale di Astori, di testa, a porta vuota, su tiro da lontano di Rigoni con Tata fuori. Poi (19’) è Borja a portare avanti un’azione che si conclude con un’affannosa parata di Perin. Intanto volano le randellate. L’arbitro Banti, che fin qui ha tollerato tutto, ammonisce Tomovic. Brividi sulla schiena dei tifosi viola in trasferta a Marassi: Laxalt (24’) colpisce di testa e scheggia la traversa. Il campo è un pantano, il pallone diventa viscido e poco controllabile. Il Genoa fa pressing. Veloso attera Ilicic a tre quarti: finalmente l’arbitro estrae il giallo per un genoano. Punizione: batte Ilicic, il pallobne rimbalza male ma Perin lo blocca. Intanto Marassi è diventato un acquitrino. Banti si rende conto della difficoltà di giocare in queste condizioni: chiama i capitani e manda le squadre negli spogliatoi. Siamo alla mezz’ora, esattamente al 28’. Partita temporaneamente sospesa. Tornano in campo gli allenatori. Juric vorrebbe che venisse ripreso il gioco. Paulo Sousa allarga le braccia. La pioggia si fa meno battente. Poi riprende con la stessa intensità. Banti ritorna in campo, ma il pallone non rimbalza. E la pioggia riprende con insistenza. Partita rinviata.

Genoa – Fiorentina

Genoa (3-4-3) Fiorentina (3-4-2-1) 
PerinTatarusanu
IzzoTomovic
BurdissoGonzalo Rodriguez
OrbanAstori
CazovicTello
RinconBadelj
VelosoCarlos Sanchez
LaxaltOlivera
RigoniBorja Valero
PavolettiIlicic
GapkeKalinic
All: Ivan JuricAll:: Paulo Sousa
Arbitro:Banti di Livorno
Marcatori:
Note: partita sospesa al 28' per impraticabilità di campo dovuta alla bomba d'acqua abbattutasi sullo stadio di MarassiAmmoniti: Tomovic, Veloso

Tag:, , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.