La sentenza del tribunale di primo grado

Corte di giustizia europea: il Vaticano non dovrà rimborsare lo Stato italiano per l’Ici non pagata

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
La chiesa di Santa Maria Novella a Firenze

La basilica di Santa Maria Novella a Firenze

ROMA – Il Vaticano non dovrà rimborsare lo Stato Italiano, per l’Ici non versata tra il 2008 e il 2012. Lo ha stabilito
il tribunale di primo grado della Corte di giustizia europea, che aggiunge così un altro capitolo alla storia infinita che ha come protagonisti la chiesa e il fisco. Il filone sulla tassazione degli immobili a livello europeo parte nel 2012, quando la commissione Ue ha condannato l’Italia per aiuti di Stato in favore degli enti ecclesiastici, che beneficiavano l’esenzione Ici anche sugli immobili commerciali (come ospedali e scuole). Bruxelles però non condannò il Vaticano a dover rimborsare l’erario, e il contenzioso venne chiuso. Una decisione ”ingiusta” secondo il fiscalista Carlo Pontesilli, che
insieme all’ex deputato del partito Radicale, Maurizio Turco, presentò il ricorso presso la Corte di giustizia europea, per chiedere il rimborso dell’imposta non versata. In un’intervista a Radio radicale Pontesilli, che è anche segretario dell’associazione Anticlericale.net, annuncia che ”ci sono gli estremi per proseguire la battaglia giuridica. Valuteremo se fare appello”. Il recupero delle somme perdute, una volta riconosciuto l’aiuto di Stato, c’è ”sempre”, osserva.

Tutta la storia dell’Ici ”sorprende” e il fatto che la Corte ”abbia ritenuto ammissibile questa nostra richiesta è strepitoso”. Ma ha fatto un passo indietro rispetto alla decisione della Commissione, stabilendo che l’esenzione Ici sugli immobili ecclesiastici non era un aiuto di Stato. ‘Pensare a qualche manina, qualche pressione politica per arrivare a questa decisione non possiamo non farlo però ci piace immaginare che ancora in corte europea trionfi solo il diritto”.
Questa vicenda ”merita un passo successivo” dice Pontesilli, che quindi annuncia già il probabile ricorso alla Corte superiore.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.