Dal 16 settembre all'8 ottobre

Firenze: al via «Avamposti» con Amanda Sandrelli e Monica Bauco al Bargello

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Amanda Sandrelli trincea-di-signore_am

Amanda Sandrelli, protagonista con Monica Bauco di «Trincea di signore» (16 settembre)

FIRENZE – Debutta venerdì 16 nel Cortile del Museo del Bargello il festival teatrale «Avamposti. Calenzanoteatrofestival 2016».

Il titolo nasce da due suggestioni. La prima relativa al luogo: Calenzano prende forma infatti come villaggio fortificato, tra Prato e Firenze, ma il riferimento è soprattutto all’identità del Teatro delle Donne che a Calenzano ha sede, da un quarto di secolo presidio del teatro d’innovazione e di autori contemporanei, con particolare attenzione per l’universo femminile.

In programma dal 16 settembre all’8 ottobre a Calenzano e Firenze, il festival si apre venerdì 16 settembre nel cortile del Museo del Bargello di Firenze con lo spettacolo «Trincea di signore» di Silvia Calamai, protagoniste Amanda Sandrelli e Monica Bauco: un testo che ha debuttato quattordici anni fa, interpretato da Marisa Fabbri e Franca Nuti e poi ha girato l’Italia, sempre per la regia della compianta Barbara Nativi. Ed è a lei e alla sua messa in scena che questa nuova produzione rende omaggio, in collaborazione con il Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. Due donne anziane, Ortensia e Gervasia, spiano dalla finestra una Firenze alluvionata, fra ricordi e nostalgie, battibecchi e speranze, fantasticando su improbabili fughe in canotto. Giustappunto Palazzo Strozzi non è lontano… Ad affiancare Amanda Sandrelli e Monica Bauco, il pianoforte di Marco Baraldi e la voce di Giada Secchi. Lo spettacolo viene riproposto in occasione del cinquantesimo anniversario dell’alluvione di Firenze.

«AVAMPOSTI CalenzanoTeatroFestival 2016» continua fino a sabato 8 ottobre al Teatro Manzoni e in altri spazi di Calenzano. Il filo conduttore è il teatro d’impegno civile.

Nel decimo anniversario dell’omicidio della giornalista russa Anna Politkovskaja, si rirpopone il monologo «Donna non rieducabile» di Stefano Massini. Il testo torna nello spettacolo diretto e interpretato da Elena Arvigo, in collaborazione con Teodoro Bonci Del Bene (venerdì 7 ottobre – Teatro Manzoni).

Ancora Elena Arvigo, attrice e regista di grande talento, porta in anteprima regionale «I monologhi dell’atomica» (sabato 24 e domenica 25 settembre – Teatro Manzoni) da «Preghiera per Cernobyl» di Svetlana Aleksievich (Premio Nobel 2015) e «Nagasaki» di Kyoko Hayashi.

Sciara Progetti presenta «Malanova» (mercoledì 21 settembre – Teatro Manzoni), testo originale di Ture Magro e Flavia Gallo sul tema della violenza alle donne.

Acti/Teatri Indipendenti rappresenta «Piccola società disoccupata» (martedì 20 settembre – Teatro Manzoni): al centro dello spettacolo, stavolta, è il lavoro, o meglio, il conflitto generazionale per mantenere il posto di lavoro.

Premio scenario per Ustica 2015, Caroline Baglioni è sul palco del Teatro Manzoni con «Gianni» (lunedì 19 settembre), mentre Gloria Gulino presenta «Promemoria» (venerdì 23 settembre – Teatro Manzoni), spettacolo finalista per la miglior drammaturgia al Roma Fringe Festival 2015.

In programma anche eventi fuori dal teatro e alcuni incontri d’eccezione: con Franco Cardini su Assia Djebar, col presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini, con Elena Arvigo e Lucia Squeglia, giornalista free lance, collaboratrice da Mosca per La Stampa, L’Espresso, Radio Svizzera, con Livia Grossi giornalista del Corriere della Sera, con Andrea Nanni, nuovo direttore delle nostre attività di formazione.

Info e dettagli: IL TEATRO DELLE DONNE, 055 8877213 | teatro.donne@libero.it | www.teatrodelledonne.com
prevendita: Circuito Box Office e www.boxol.it
orario biglietteria teatro: dalle ore 18


Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.