Montata invece in poche ore a Seravezza

Pietrasanta, migranti: il sindaco Mallegni si sdraierà per terra per evitare la costruzione di una tendopoli

di Redazione - - Cronaca, Politica, Top News

Stampa Stampa
Massimo Mallegni, rieletto sindaco di Pietrasanta

Massimo Mallegni, sindaco di Pietrasanta

LUCCA – Se necessario mi sdraierò a terra con la fascia tricolore e sono sicuro che i miei concittadini saranno al mio fianco per evitare uno scempio ingiusto. Così Massimo Mallegni, sindaco di Pietrasanta (Lucca), commentando l’ipotesi che possa essere allestita una tendopoli per i migranti nella sua cittadina. Mallegni ha reso noto la sua posizione postando due video sulla sua pagina fb e dopo che, spiega in una nota, la “prefettura di Lucca ha sondato la possibilità di utilizzare lo spazio del parcheggio sterrato del terminal bus, alle porte del centro storico e nel cuore del parco internazionale della scultura contemporanea tra le opere di Botero, Mitoraj e Yasuda, per accogliere un numero imprecisato di migranti. Secondo i nuovi parametri a Pietrasanta toccherebbero 3 migranti ogni 1000 abitanti, 75 in totale”.

Una tendopoli intanto, è stata montata con un “vero e proprio blitz”, commenta Mallegni, nelle scorse ore in un altro comune versiliese, a Seravezza, nella frazione di Ripa, “nell”area adiacente alla sede della Croce Rossa”. Su questa struttura il sindaco di Seravezza, Riccardo Tarabella, precisa che è stata la prefettura di Lucca, in accordo con Cri, “a disporre l’accoglienza in via straordinaria e temporanea di circa 30 richiedenti asilo per un massimo di 15 giorni” in un terreno della Cri. Una decisione di cui il prefetto lo ha informato ieri intorno alle 14,30, senza indicarne i tempi. L’allestimento è iniziato poi immediatamente nella prima serata di ieri proseguendo nella notte. “L’inconsueta procedura seguita (il Comune è stato semplicemente informato) e i tempi rapidissimi con i quali Cri ha avviato i lavori, senza darne comunicazione preventiva al Comune, commenta Tarabella, hanno impedito di dar corso a un’adeguata opera di informazione alla cittadinanza, fatto di cui si dispiace. In ogni caso la nostra è una comunità accogliente e storicamente ben disposta verso chi si trova in difficoltà. Sono certo che anche in questa occasione saprà dimostrarsi all’altezza. Al contempo, però, saremo vigili affinché questa iniziativa umanitaria si svolga nelle modalità e nei tempi indicati dal prefetto e senza turbare la normale vita quotidiana, la sicurezza e il decoro della comunità locale”.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.