Le interviste di Fiorentina-Roma

Paulo Sousa: «Fortunati? Vinto con il cuore». Luciano Spalletti: «Gol viola in fuorigioco e rigore su Dzeko»

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Paulo Sousa: finalmente un sorriso a spaccabocca dopo la partita con la Roma

Paulo Sousa: finalmente un sorriso a spaccabocca dopo la partita con la Roma

FIRENZE – Paulo Sousa non si nasconde: prende i tre punti e ammette anche una buona dose di fortuna. Ma nel calcio funziona così. Del resto, la Fiorentina ha giocato con il cuore, quindi può gioire e godere. Luciano Spalletti apparentemente fa il signore, ma recrimina su tutto: sostiene che Dzeko, nel primo tempo, è stato travolto da una tramvata di Tomovic che doveva essere punita con il rigore. E rincara la dose aggiungendo che Kalinic era in fuorigioco attivo sul tiro di Badelj. Il suo portiere ha detto di non aver visto la palla. Giusto: era un tiro angolatissimo, sbattuto sul palo e finito in rete. Se anche l’avesse vista che avrebbe potuto fare? Salutarla?

Paulo Sousa: «Fortunati? Quando fai partite così, meriti anche di essere fortunato. Cosa che non siamo stati lo scorso anno, soprattutto in partite così contro grandi squadre. Siamo stati fortunati a vincere, ma abbiamo avuto opportunità come la Roma. Siamo contenti per questo. All’inizio abbiamo avuto tante opportunità ma con ultimo passaggio non giusto, poi negli ultimi 20′ del primo tempo abbiamo controllato la partita aumentando i ritmi. Entrambe le squadre avrebbero potuto vincere. Abbiamo crossato spesso, anche se non sempre ci è riuscito bene. Borja Valero è un giocatore molto importante, che conosce bene il gioco, ha carisma e trascina la squadra. Bernardeschi? L’ho visto molto bene, a livello di condizione gli manca qualcosa, ha messo resistenza e ritmo. Sì, ci aiuterà molto in questa stagione».

Luciano Spalletti: commento amaro dopo il match del Franchi

Luciano Spalletti: commento amaro dopo il match del Franchi

Luciano Spalletti: «Quando si perde, si piglia e si porta a casa. Ma lasciatemi dire che per noi c’era un rigore nettissimo. Tomovic non ha toccato Dzeko, gli ha dato una tramvata. E sul gol della Fiorentina Kalinic era in fuorigioco. Attivo. Szczesny mi ha detto di non aver visto la palla, coperto com’era dall’attaccante della Fiorentina. Detto questo, abbiamo visto due buonissime squadre. Quando abbiamo preso la partita in mano potevamo segnare. Nel secondo tempo abbiamo perso troppe palle facili. Prima sconfitta? Nel calcio ci può stare di perdere. Errori arbitrali? L’ho detto: almeno due e determinanti. Sul gol ho provato a dirlo anche all’arbitro, che evidentemente non ha visto».

Tag:,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.