La denuncia, ovvia, del responsabile Anac

Firenze: Cantone punta l’indice sulla corruzione nei concorsi universitari

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Raffaele Cantone

Raffaele Cantone presidente dell’Autorità anticorruzione

FIRENZE – «Siamo subissati di segnalazioni su questioni universitarie, spesso soprattutto segnalazioni sui concorsi». Lo ha detto oggi a Firenze nel corso di un’iniziativa il responsabile dell’Anac Raffaele Cantone. «Non voglio entrare nel merito, non ho la struttura né la competenza – ha aggiunto – ma la riforma Gelmini secondo me ha finito per creare più problemi di quanti ne abbia risolti. Per esempio, ha istituzionalizzato il sospetto: l’idea che non ci possano essere rapporti di parentela all’interno dello stesso dipartimento, il che ha portato a situazioni paradossali. In una università del Sud è stato istituzionalizzato uno scambio: in una facoltà giuridica è stata istituita una cattedra di storia greca e in una facoltà letteraria una cattedra di istituzioni di diritto pubblico. Entrambi i titolari erano i figli di due professori delle altre università. Credo che questo sia uno scandalo e che lo sia il fatto che si sia stati costretti a fare questa operazione; se tutto avvenisse in trasparenza, la legge che nasce dalla logica del sospetto è una legge sbagliata».

Cantone, come buona parte dei suoi colleghi, vive spesso al di fuori della realtà e, in questo caso, sembra aver espresso giudizi su situazioni per le quali non era probabilmente in possesso di informazioni complete, rispetto a un fenomeno annoso e complesso. In merito ai concorsi universitari da decenni sono state fatte pubblicazioni, siti internet, addirittura poesie e canzoni che hanno denunciato lo scandalo di molte situazioni. Senza che però, al termine di numerose indagini e clamorosi e spettacolari arresti, la magistratura abbia estirpato il presunto malaffare, che non si può certo addebitare ai soli interventi di alcuni ministri, come ha affermato l’incauto responsabile dell’Anac.

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.