Decreto penale

Lucca: contestarono Matteo Salvini a Viareggio, 28 condannati. Le reazioni su Facebook del Cantiere sociale

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa

salvini-contestatoLUCCA – E’ finita con un decreto penale di condanna per 28 persone la contestazione al leader della Lega Nord, Matteo Salvini, a Viareggio, il 16 maggio 2015. Dovranno pagare una multa di 1.250 euro. E’ quanto annuncia sulla pagina Facebook l’associazione Cantiere Sociale. La condanna è per adunanza sediziosa e, in un caso, per accensione e lancio di fumogeno.
La contestazione avvenne in piazza Margherita, dove Matteo Salvini doveva intervenire ad una iniziativa pubblica per sostenere la candidatura a sindaco dell”avvocato Massimiliano Baldini. Il leader della Lega Nord fu accolto da fischi e lanci di uova da parte di decine di persone dell’area antagonista. Tra loro la Digos individuò alcune persone come i responsabili dell’agitazione e scattarono le denunce. Ora i decreti di condanna emessi dal giudice di Lucca su richieste della procura.

Il Cantiere sociale critica la decisione del tribunale di Lucca. E scrive: “Sono medaglie perché crediamo sia giusto contestare Salvini
ogni qual volta scende nelle piazze. Queste condanne non ci fermeranno – si legge sul loro profilo Facebook gli esponenti
del Cantiere sociale -, ci fanno sorridere, le metteremo nel mobile come prova di quando Salvini è stato cacciato da Viareggio, dove la Lega non ha la forza nemmeno di aprire una sede”. Quel giorno l”auto su cui viaggiava Salvini, quando arrivò a Viareggio fu accerchiata  e colpita con pugni. Poi venne inseguita. A un certo punto l’autista dovette fermare l’auto con il leader leghista e dovette affrontare gli inseguitori, poi risalì e riprese la marcia. Furono lanciate anche delle uova. Oltre a bandiere rosse, una ragazza espose uno striscione con la scritta “Sono lesbica, sono rom, abbasso Salvini”.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.