Gruppi al massimo di 22 persone

Corridoio vasariano: riprendono le visite, con limitazioni. Ai visitatori verranno date avvertenze come sugli aerei

di Paolo Padoin - - Cronaca, Cultura, Economia

Stampa Stampa
La galleria degli autoritratti lungo il Corridoio Vasariano

La galleria degli autoritratti lungo il Corridoio Vasariano

FIRENZE – Riprendono le visite nel Corridoio Vasariano, l’antico attraversamento che unisce la Galleria degli Uffizi a Palazzo Pitti a Firenze. Dopo lo stop improvviso dell’11 luglio scorso, per motivi di sicurezza, oggi è stata decisa la riapertura ai turisti. Ma con precise limitazioni e cautele. Come avviene negli aerei prima del volo, all’inizio della visita saranno fornite istruzioni sulle norme di sicurezza, sul percorso che deve essere unidirezionale e sui comportamenti in caso di emergenza. Si tratta di un utilizzo temporaneo (fino al 30 novembre prossimo) e ‘blindato’ del percorso che unisce il complesso vasariano e la reggia dei Medici, dopo che la direzione delle Gallerie degli Uffizi aveva ottenuto l’autorizzazione dal comando provinciale dei vigili del fuoco e dopo che è stata completata la specifica formazione antincendio del personale.

Considerata l’assenza di uscite di emergenza tra i due ingressi al Giardino di Boboli e alla Galleria degli Uffizi, le visite saranno sottoposte a una serie di vincoli tassativi nel rispetto delle norme di legge, onde diminuire il rischio per i visitatori e i lavoratori, come precisa un comunicato diffuso dal direttore del museo, Eike Schmidt.

Questi alcuni limiti salienti della nuova, temporanea apertura del Corridoio Vasariano: il numero massimo di 22 persone per gruppo, ovvero 19 visitatori più gli accompagnatori, tra i quali due unità appositamente formate per i casi di rischio elevato di incendio; la compresenza massimale all’interno del Corridoio non dovrà superare le 88 persone, incluso il personale interno, e sarà limitata a visitatori che non abbiano difficoltà motorie.

Sarà inoltre assicurato il contatto continuo via radio tra gli accompagnatori e la stanza di controllo delle gallerie, con diretta comunicazione con vigili del fuoco e le unità presenti nel Corridoio, per ordinare l’immediata evacuazione in caso di allarme proveniente dal sistema antincendio.

 

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.