La soddisfazione dei sindacati

Piombino, Aferpi (ex Lucchini): siglato l’accordo per la concessione della solidarietà a tutti i lavoratori in cassa integrazione

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

aferpi-lucchini-420x236

PIOMBINO  – Siglato stamani l’accordo tra Aferpi, Fim-Fiom-Uilm e Rsu che sancisce per tutti i lavoratori ancora in cassa integrazione con la Ex Lucchini e la Ex Lucchini Servizi di passare dal primo novembre in Aferpi con il solo strumento della solidarietà come ammortizzatore sociale. “Un risultato importante – commenta Lorenzo Fusco della Uilm – nel quale abbiamo sempre creduto e per il quale il sindacato si è sempre battuto. Oggi l’azienda, ha annunciato di aver rinunciato alle procedure di apertura della cassa integrazione che non abbiamo e non avremmo mai accettato. Non è ovviamente tutto risolto. Dovremo cercare di trovare soluzioni per fare il massimo della formazione e della rotazione, ed è importante che il progetto con gli investimenti previsti possa partire quanto prima e che i laminatoi aumentino quanto prima le produzioni, ma oggi è una giornata importante per oltre 700 persone e dobbiamo esserne tutti soddisfatti”. Un altro importante atto concreto, conferma il sindacalista, è che oggi Aferpi ha ottenuto da parte del Governo l’accoglimento dei 4 progetti Aferpi per efficientamento economico che ha un valore di circa 100 milioni di euro. Dopo la effettiva entrata in produzione della nuova acciaieria e del nuovo treno rotaie, l’azienda potrà usufruirne così come previsto dalla normative europee.

CISL – Con il rientro in fabbrica degli ultimi 700 lavoratori ex-Lucchini si compie un altro passo avanti, molto significativo, sulla strada per il rilancio del sito produttivo e dell’occupazione a Piombino. E’ il commento del segretario generale Cisl Toscana, Riccardo Cerza, all’intesa raggiunta ieri sera tra i sindacati e l’azienda e presentata questa mattina in conferenza stampa a Piombino, che prevede l’assunzione in Aferpi per l’ultimo contingente di lavoratori ex-Lucchini, in Cassa integrazione da quasi due anni, a partire dal prossimo 1 novembre.
“Se tutti continueranno a fare la loro parte – ha aggiunto Cerza – potremo portare a compimento questa operazione che molti giudicavano impossibile, ma che grazie all’impegno comune di lavoratori, sindacati, istituzioni e territorio sta lentamente diventando realtà. Il primo novembre è un giorno di festa. Quest’anno a Piombino e in Val di Cornia sarà una festa doppia.”

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.