Nella nostra regione le spese restano sconosciute ai cittadini

Migranti, sanità: il Veneto sborsa oltre 2 milioni per cure, in Toscana la cifra è top secret

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Salute e benessere

Stampa Stampa

stranieri-pronto-soccorso-2-2

VENEZIA – In un anno, da settembre 2015 ad agosto 2016, la sanità veneta ha erogato 40 mila prestazioni agli immigrati inviati dal Governo sui territori. Il costo stimato tra gennaio 2015 e agosto 2016 è stato pari a 2 milioni 390 mila euro. Lo rivela un”analisi di stima dei costi, condotta nell’ambito della sorveglianza “Emergenza Immigrati” da parte dell’Unità Operativa Prevenzione e Sanità Pubblica della Direzione Prevenzione della Regione che, in stretta collaborazione con le Ulss sul territorio, sta gestendo il fenomeno immigratorio dal punto di vista sanitario, con particolare riguardo alla prevenzione e alla verifica dello stato di salute dei migranti.

Una simile attività di assistenza, prevenzione e verifica dello stato di salute dei migranti viene effettuato anche dalla regione Toscana, come dalle altre regioni interessate all’accoglienza, ma il presidente Rossi e l’Assessore Saccardi si guardano bene dal divulgare delle spese stratosferiche, che immaginiamo dello stesso livello del Veneto, se non oltre, vista che la Toscana è così magnanima coi migranti.

Ma torniamo al veneto, al 31 agosto 2016, il numero di presenti e assistiti nelle diverse Ullss era di 11.000 persone. Solo nell”ultimo anno, sono state effettuate: oltre 10.000 visite dai servizi di igiene e sanità pubblica – Sisp; oltre 4.000 visite specialistiche; quasi 15.000 vaccinazioni; 6.500 test di Mantoux per la Tbc; 1.600 rx torace; oltre 2.000 altre prestazioni, tra le quali ecografie polmonari e ginecologiche, elettrocardiogrammi, esami ematochimici e test per Hiv .

Il Presidente della Regione Luca Zaia afferma che l’aspetto sanitario è stato pesantemente trascurato a livello nazionale e le regioni hanno coscientemente deciso di farsene carico, per salvaguardare la popolazione dal rischio di possibili contagi e per dare un minimo di assistenza a persone che «noi, i razzisti, consideriamo esseri umani, mentre Europa e Italia li trattano come pacchi postali. “Ma Roma e Bruxelles – precisa il Governatore del Veneto – non credano che il salato conto, destinato peraltro ad aumentare con i nuovi arrivi pressoché quotidianamente annunciati dai prefetti, venga pagato dai cittadini veneti, già alle prese con i tagli nazionali alla sanità che si susseguono. Roma e Bruxelles – conclude Zaia – mettano mano al portafoglio e paghino. Se non hanno soluzioni intelligenti per gestire il fenomeno, risarciscano almeno i danni economici».

Richiesta perfettamente legittima, rivolta soprattutto all’Europa che non è capace assolutamente di gestire il fenomeno. saremo però curiosi di conoscere quali siano i costi sopportati dalla sanità toscana per questo delicato capitolo dell’assistenza: in fondo i cittadini hanno diritto di sapere come le istituzioni spendono i loro soldi.

 

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.