Individuato con le immagini di videosorveglianza

Livorno: truffa in gioielleria. Settantenne torinese si spacciava per primario d’ospedale

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Polizia volanteLIVORNO – Era un settantenne torinese l’artefice delle truffe. Aveva messo a segno l’ultima truffa in una gioielleria di Livorno, riuscendo a impossessarsi di due bracciali in oro, ma è stato arrestato dalla polizia grazie all’identificazione effettuata attraverso le immagini dei filmati di videosorveglianza. L’uomo, già conosciuto per reati specifici, era entrato nella gioielleria il 10 agosto scorso spacciandosi per primario dell’ospedale di Livorno, e millantando una vecchia amicizia con il padre della titolare del negozio era riuscito raggirando la commessa con chiacchiere a farsi consegnare i due bracciali del valore di 3400 euro, dileguandosi poi senza pagare. Immediata al denuncia della gioielleria, che ha dato il via alle indagini della questura livornese che con la collaborazione della squadra mobile di La Spezia è riuscita a identificare il settantenne che avrebbe dovuto essere a Genova, sottoposto a obbligo di dimora.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.