L'ex segretario ora non esclude la scissione

Pd, Bersani all’attacco di Renzi: «Non si può tenere assieme segretario e premier»

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Renzi e Bersani

Renzi e Bersani

ROMA – Si torna a valutare l’ipotesi di scissione dentro il Partito Democratico. L’ex segretario, Pierluigi Bersani, annuncia un attacco frontale a Matteo Renzi che potrebbe avere ripercussioni forti: «Noi abbiamo cercato di salvare il salvabile, ma a volte trattenersi è molto  difficile. E anche adesso dico quel che dico perché un pezzo del nostro popolo non vada via, restando vittima di cattivi pensieri. Non  puoi sempre farti vedere con Marchionne e Polegato».

In una lunga intervista al Corriere della Sera, Bersani anticipa che al prossimo appuntamento del Pd, in agenda domani, dirà la cosa che a Renzi risulterà indigesta: “Sosterrò la tesi – spiega – che non si può tenere assieme segretario e premier. Vorrei che il Pd si accorgesse dei rischi, separasse le funzioni e mettesse questo gesto a disposizione di un campo largo di centrosinistra».

Riguardo al referendum, Pippo Civati, dal suo blog, afferma che aumentano i no. Anche nel Pd. Dice: «Da tre anni cerco di spiegare – prendendomi un sacco di parole, sarcastiche e denigratorie, per una posizione di minoranza per molti ridicola – che la riforma costituzionale è pessima e tecnicamente invotabile, per usare le parole di Michele Emiliano di ieri pomeriggio (infatti non l’ho votata). Nel fu-centrosinistra e soprattutto nel partito di maggioranza eravamo in pochi, allora. Anzi, anche i pochi che al Senato avevano fatto resistenza (vedi alla voce Vannino Chiti) si sono poi quasi tutti allineati. Ricordo che nel primo passaggio alla Camera si contarono quattro astensioni nel Pd. E qualche assente, chissà quanto giustificato e quanto invece motivato. Da qualche settimana però le cose – a poco a poco, molto lentamente, forse troppo – stanno cambiando. Una dozzina di parlamentari del Pd, che avevano votato la riforma, hanno annunciato questa estate il loro voto contrario al referendum. Poi c”è stato D’Alema. E Bersani annuncia che domani sarà il  giorno del No per molti dei ‘suoi (i non moltissimi rimasti fedeli al suo tipo di “ditta”). L’appello che gli avevo personalmente lanciato dal palco di Firenze sembra andare a buon fine. Insomma, di fronte alla Costituzione i tatticismi che hanno rovinato questa legislatura sembrano superati: non per tutti, ma almeno per alcuni. Unico rammarico: se ci avessero dato retta e se avessero votato contro in aula, semplicemente questa riforma non ci sarebbe. Ci saremmo risparmiati tutto questo. E anche il resto».

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.