Sabato 15 e domenica 16 ottobre, dalle 10 alle 19

Firenze: «I gatti più belli del mondo» a Calenzano. Esposizione internazionale felina

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Un esemplare di Maine Coon

Un esemplare di Maine Coon

FIRENZE – Un fine settimana all’insegna del felino: sabato 15 e domenica 16 ottobre, dalle ore 10 alle ore 19 a Calenzano, presso il Palazzetto dello Sport  (Via di Prato 64), ci sarà l’Esposizione Internazionale Felina «I gatti più belli del mondo» con la partecipazione di centinaia di gatti di razza che, sotto l’egida delle Associazioni Feline Federate, verranno giudicati da Giudici Internazionali WCF (World Cats Federation) durante il Best in Show in programma nel pomeriggio di entrambe le giornate.

Protagonisti saranno splendidi esemplari di gatti di tutte le razze, provenienti da tutti i Paesi del mondo: il Persiano dal lunghissimo e vaporoso mantello; il Norvegese delle Foreste, fiero e possente come un vichingo; il Main-Coon, il grande gatto americano, ottimo nuotatore e pescatore; l´Abissino, il gatto dei faraoni; il Certosino, i cui enigmatici occhi d´ambra hanno ispirato mistiche leggende medioevali; il Devon Rex, piccolo folletto dall’aspetto “alieno” dalle grandi orecchie e dagli occhi sgranati; e poi i mille colori dei gatti Orientali; la simpatia dei British e dei Blu di Russia, l’eleganza dei Burmesi; naturalmente rappresentato anche il multiforme Europeo. All’Expo partecipano anche moltissimi cuccioli.

I visitatori non solo potranno ammirare i tanti gatti presenti in mostra, ma potranno assistere nel pomeriggio del sabato e della domenica alla vera e propria gara, dove giudici Internazionali WCF decideranno, tramite autentiche sfide di bellezza, quali saranno gli esemplari che si contenderanno, durante il Best in Show, direttamente sul palco alla presenza di tutto il pubblico e della giuria riunita, l´ambito titolo del «Best of Best», assegnato al più bel gatto di tutta la manifestazione.

micina-in-adozione1Gatti fantastici da vedere, qualcuno, come il Main-Coon anche dall’ottimo carattere, ma non sempre facili da accudire. Tutto sommato la cosa migliore sarebbe, dopo essersi riempiti gli occhi di meraviglie, passare da uno dei banchini delle colonie feline locali che saranno presenti alla mostra e adottare un micino abbandonato (oltretutto quest’estate gli abbandoni di intere cucciolate vicino ai gattili o, peggio, nei cassonetti,  sono stati purtroppo moltissimi anche in Toscana). Ci saranno l’Associazione Felina Baffi di Gatto di Calenzano e l’Associazione felina pratese. Ai loro banchini si potranno conoscere le attività delle due associazioni e lasciare una donazione, anche piccola, per i mici bisognosi delle colonie. E magari prenotare uno dei loro meticci che a volte, per bellezza, non restano indietro di molto ai gatti di razza (nella foto una piccola simil-certosina in adozione presso l’Associazione Felina Baffi di Gatto).

ridleyi_spNon solo gatti al Palazzetto dello Sport: collateralmente vi sarà anche la mostra «Reptilia Expo»: in un grande spazio dedicato tutto a loro si potranno osservare serpenti tra i più belli ed affascinanti provenienti da tutto il mondo: un esemplare di pitone indiano albino di sei metri per 130 kg di peso, pitoni reali,  boa costrittori, l’aggressivo pitone di seba, la temibile anaconda, colubridi asiatici, africani ed americani, il falso corallo, il serpente toro ed il serpente “mangiatore di serpenti”, i serpenti degli alberi, il massiccio pitone del Borneo, serpenti velenosi opistoglifi e tanti altri e poi ancora scinchi, gechi dell’Iraq, il geco africano dalle due teste, la lucertola gigante africana, il drago barbuto, il “collerico” varano argentino; tutti naturalmente vivi!

Con un solo biglietto (9 euro intero e 5 per i bambini dai quattro ai dodici anni) si possono ammirare entrambe le mostre.

Dal sito web www.expofelina.it si può stampare il coupon che, presentato alle biglietterie del Palazzetto dello Sport, dà diritto a ricevere un omaggio.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.