Dopo 15 mesi d'assenza

Autodromo del Mugello: Alex Zanardi vince la gara GT al rientro nelle corse. E si commuove

di Redazione - - Sport, Top News

Stampa Stampa
Alex Zanardi al Mugello

Alex Zanardi al Mugello

FIRENZE – Alex Zanardi, al rientro alle corse dopo 15 mesi di stop, e reduce dalle Paralimpiadi in Brasile,  è riuscito a vincere la gara del campionato italiano Gran Turismo al Mugello. Zanardi era alla guida una Bmw M6. Un fenomeno, un campione che ha saputo superare ogni difficoltà, soprattutto dal punto di vista psicologico, dopo l’incidente che lo privò delle gambe.

«Se avessi visto la mia storia, di cui oggi sono stato protagonista, interpretata da un altro – ha commentato il pilota –  mi sarebbero uscite le lacrime». Parole a caldo,  dopo essere stato reduce da un’incredibile vittoria all’autodromo del Mugello nell”ultima gara del Campionato italiano Gran Turismo, alla quale il pilota bolognese ha deciso di partecipare. E ancora: «Io mi emoziono facilmente, mi commuovo guardando la pubblicità della bambina e della gattina, figuriamoci cosa mi sarebbe accaduto in questo caso. Non so se mi merito tutto questo – ha proseguito Zanardi – però dico grazie, che è l”unica parola che si avvicina a quello che io devo a questo destino che continua a
regalarmi emozioni bellissime».

Ma il pilota Bmw non è il solo a essersi commosso, infatti a poca distanza c’è il dottor Claudio Costa, mago dell’ortopedia, che ha seguito la sua riabilitazione fin dai primi momenti dopo l’incidente di 15 anni fa: «E’ un uomo che ha delle risorse dentro e che riesce a tirarle fuori trasformando le ferite in un dono. Ha sconfitto una morte che gli aveva rapito metà del corpo, ha un”energia che gli dà la possibilità
in ogni momento della sua età di fare delle cose semplicemente meravigliose».

Ma la vittoria non è stata proprio una sorpresa: «Ieri sera – ha proseguito Zanardi – mi sono addormentato con pensiero che anche questo colpaccio non sarebbe stato poi così impossibile da realizzare, sapevo che la mia Bmw andava benissimo, ma esserci riuscito però è un’altra roba».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.