I protagonisti avevano alzato un po' il gomito

Signa: rissa in locale a colpi di boccali di birra e piatti. Due arrestati dai carabinieri, un ferito.

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Carabinieri Gazzella 112

SIGNA – Rissa a colpi di boccali di birra e piatti in un pub di Firenze. Ieri sera, intorno alle 23.00, i militari della Compagnia di Signa sono intervenuti in forza all’Old Tavern, un locale in Largo dei Capitelloni, dove era stata segnalata poco prima una furibonda rissa in cui sarebbero state coinvolte circa una decina di persone. Al termine dell’intervento sono stati arrestati due giovani, Fabio Anselmo, classe 1974, e Stefano Lepori, classe 1977, che sono stati accompagnati al carcere di Sollicciano, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La segnalazione era stata diramata da due carabinieri della Compagnia che, liberi dal servizio, si erano dati appuntamento nel locale per bere qualcosa. I due militari, appena si sono accorti che la situazione tra due uomini, appartenenti a un gruppetto di 11 persone stava degenerando in qualcosa di più serio, non ci hanno pensato due volte e sono intervenuti per tentare di calmare gli animi, ma si sono subito resi conto che avrebbero avuto bisogno di molti rinforzi, avvertendo quindi la Centrale Operativa.

All’arrivo delle pattuglie la zuffa era ancora in atto. I militari hanno faticato non poco a riportare la calma all’interno del locale e una volta stabilito l’ordine hanno incominciato a sentire le varie persone coinvolte, tutte visibilmente alticce, per capire quali potessero essere stati i motivi che avevano scatenato la rissa. Una volta identificati i presenti all’interno del pub, i carabinieri si sono subito accorti che molti di loro erano stati già notati all’inaugurazione del circolo di Forza Nuova che si era tenuta nel pomeriggio proprio a Signa. Alcuni, inoltre, sono stati riconosciuti come militanti del movimento, si legge in una nota. Otto persone sono state accompagnate in Caserma per ulteriori accertamenti e alla fine due di essi sono stati tratti in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, perché al momento dell’intervento hanno opposto una forte resistenza ai carabinieri che stavano tentando di far cessare la rissa. Un altro giovane, invece, è stato trasportato all’Ospedale Torregalli, poiché presentava una vistosa ferita al capo, provocata quasi sicuramente durante la scazzottata. Il giovane, dopo essere stato medicato, è stato dimesso con una prognosi di 8 giorni. Anche i due carabinieri che liberi dal servizio erano intervenuti nell’immediatezza sono ricorsi alle cure mediche presso il Pronto Soccorso del Careggi, riportando rispettivamente 5 e 2 giorni di prognosi per le botte ricevute mentre tentavano di dividere i litiganti.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.