Il parere dell'esperta di comunicazione

Firenze, stati generali della lingua italiana: «No slogan in inglese per prodotti venduti in Italia»

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Palazzo Vecchio, a Firenze

Palazzo Vecchio, a Firenze

FIRENZE – Anche la comunicazione più diretta, quella della pubblicità, dev’essere in italiano se si riferisce a prodotti venduti in Italia. Lo ha detto l’esperta di comunicazione Annamaria Testa, parlando con i giornalisti a margine degli Stati generali della lingua italiana nel mondo, a Firenze:  «Se parliamo di prodotti italiani all’estero suggerirei di non sottovalutare le potenzialità della lingua italiana e suggerirei ai colleghi che fanno pubblicità a prodotti venduti in Italia di smetterla, per cortesia, con l’abitudine stucchevole di usare slogan in inglese, non si capisce perchè».

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.